Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Bonafede, Bongiorno e Grillo: tre siciliani nel governo M5s-Lega guidato da Conte

Ad Alfonso Bonafede (Mazara del Vallo) il Ministero della Giustizia; a Giulia Bongiorno (Palermo) il Ministero della Pubblica Amministrazione; a Giulia Grillo (Catania) il Ministero della Salute

Marsala – Alfonso Bonafede, Giulia Bongiorno e Giulia Grillo, la Sicilia c’è. Tre siciliani faranno parte del governo Conte che giura oggi pomeriggio davanti al Presidente della Repubblica Mattarella.

Alfonso Bonafede, nato a Mazara del Vallo il 2 luglio del 1976, avvocato del Foro di Firenze dove si è trasferito, dopo la laurea, nel 1995. Bonafede è del Movimento 5 Stelle, a lui è stato affidato il Ministero della Giustizia, uno dei importanti.

Giulia Bongiorno, nata a Palermo il 22 marzo nel 1966, famosa avvocatessa penalista, nota per aver difeso il democristiano Giulio Andreotti dall’accusa di mafia. A lei è stato affidato il Ministero della Pubblica Amministrazione. Senatrice eletta con la Lega di Matteo Salvini, è stata deputata dal 2006 al 2013.

Giulia Grillo, nata a Catania il 30 maggio del 1975, omonima del fondatore del movimento di Beppe Grillo Movimento 5 Stelle. E’ capogruppo del Movimento pentastellato alla Camera dei Deputati. A lei va il Ministero della Salute.

Gli auguri al ministro mazarese Alfonso Bonafede
“A nome mio personale e della Città di Mazara del Vallo esprimo il compiacimento al nostro concittadino, avv. Alfonso Bonafede, per la nomina a Ministro della Giustizia. E’ un traguardo istituzionale che fa onore a chi l’ha raggiunto e che inorgoglisce la comunità mazarese e la famiglia dell’on. Bonafede, stimata ed apprezzata nella nostra Città. Al neo Ministro gli auguri di buon lavoro per il delicato compito che gli è stato assegnato, auguri che estendiamo al nuovo Governo nella speranza che possa proficuamente lavorare nell’interesse del Paese”. Lo ha detto il Sindaco di Mazara del Vallo on. Nicola Cristaldi, esprimendo il compiacimento della comunità mazarese per la nomina di Ministro della Giustizia del deputato mazarese Alfonso Bonafede.

governo-conte-ministri-2018

E’ nato il governo Conte. La squadra sarà guidata dal già premier incaricato Giuseppe Conte, giurista e docente universitario di origini pugliesi, vicino al Movimento 5 Stelle. Già consulente di Palazzo Chigi nel 1988, insegna presso l’Università di Firenze, la LUISS e la LUMSA di Roma.

Ecco la composizione del nuovo Consiglio dei ministri.

Ministero alI’Interno: Matteo Salvini (Lega). Il segretario del Carroccio, milanese classe ’73, è alla prima sua esperienza governativa e parlamentare. E’ stato consigliere comunale del capoluogo lombardo e parlamentare europeo. Dal 2013 guida il partito fondato da Umberto Bossi. Sarà anche vicepresidente del Consiglio.

Ministero al Lavoro e allo Sviluppo economico: Luigi Di Maio (M5S). Il capo politico pentastellato è nato ad Avellino nel 1986. Nella passata legislatura ha ricoperto la carica di vicepresidente della Camera. Nel settembre dello scorso anno è stato scelto formalmente come “candidato premier” del suo partito. Anche lui sarà vicepresidente del Consiglio.

Ministero all’Economia: Giovanni Tria (area Lega). Nato a Roma nel 1948, è laureato in giurisprudenza e docente di economia per le università romane de “La Sapienza” e “Tor Vergata”. Non sostiene la necessità di uscire dal’euro ma di “cambiare l’eurozona dall’interno”.

Ministero agli Affari Esteri: Enzo Moavero Milanesi (indipendente). Giurista romano di 64 anni, è stato sottosegretario del governo Ciampi fra il ’93 e il ’94. Nel 2011, Mario Monti lo scelse come ministro alle Politiche Comunitarie. Ha fatto parte della Corte di giustizia europea.

Ministero alla Giustizia: Alfonso Bonafede (M5S). Mazarese, nato nel 1976, è un avvocato specializzato in diritto privato. Nella passata legislatura è stato vicepresidente della commissione Giustizia alla Camera.

Ministero alle Politiche Comunitarie: Paolo Savona (area Lega). Nato a Cagliari 81 anni fa, è un economista specializzato in geopolitica, docente presso l’Università di Perugia e nella romana “Tor Vergata”. Nel 1993 è stato ministro dell’industria, commercio e artigianato. Euroscettico, fra le sue diverse pubblicazioni, ha proposto un “piano b” per l’abbandono della moneta unica.

Ministero ai Rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta: Riccardo Fraccaro (M5S). Trentasette anni, veneto, laureato in Giurisprudenza. Nella XVII legislatura è stato segretario della Camera mentre è divenuto questore anziano lo scorso 28 marzo.

Ministero alla Pubblica Amministrazione: Giulia Bongiorno (Lega). Avvocato palermitano, classe ’66, è stata il legale – fra gli altri – di Giulio Andreotti. Da sempre impegnata nella lotta alla violenza sulle donne (ha fondato l’associazione “Doppia Difesa”), è stata deputata per Alleanza Nazionale e per il Popolo della Libertà.

Ministero agli Affari Regionali: Erika Stefani (Lega). Vicentina, nata nel 1971, è avvocato e amministratrice locale. E’ stata consigliere comunale e vicesindaco di Trissino. Senatrice del Carroccio dal 2013.

Ministero per il Sud: Barbara Lezzi (M5S). 46 anni, originaria di Lecce, è stata deputata e componente della commissione bilancio e programmazione economica nel quinquennio 2013-2018.

Ministero alla Famiglia e disabilità: Lorenzo Fontana (Lega). Veronese, 38 anni è un giornalista pubblicista. Dal 2009 è stato europarlamentare fino all’elezione a Montecitorio dello scorso marzo. Ricopre la carica di vicesegretario federale nel partito di Matteo Salvini.

Ministero alla Difesa: Elisabetta Trenta (area M5S). 51 anni, di Velletri è docente alla Link Capus university di Roma. E’ stata consigliere del ministero agli Esteri fra il 2005 e il 2006, operando in Iraq. Ha lavorato anche in Libano, nell’ambito di progetti per la sicurezza internazionale.

Ministero alle Politiche Agricole: Gian Marco Centinaio (Lega). Pavese, 45 anni, è stato assessore e vicesindaco della sua città. Dal 2014 ricopre l’incarico di capogruppo a Palazzo Madama per il Carroccio.

Ministero alle Infrastrutture: Danilo Toninelli (M5S). Proviene da Soresina (Cremona) dove è nato nel 1974. Ufficiale dell’arma dei carabinieri, si è occupato nalla passata legislatura di affari costituzionali. Dal marzo scorso è capogruppo del Movimento 5 stelle al Senato.

Ministero all’Istruzione: Marco Bussetti (Area Lega). Nato in provincia di Varese nel ’62, è docente e dirigente scolastico.

Ministero ai Beni e alle attività culturali: Alberto Bonisoli (area M5S). Mantovano, 56 anni, si occupa di formazione e design. E’ stato dirigente della NABA, l’Accademia delle belle arti privata a Milano.

Ministero alla Salute: Giulia Grillo (M5S). Siciliana di Catania, 43 anni, è medico legale. Militante del Movimento fin dalla prima ora, è stata numero il numero due dei pentastellati alla Camera nella passata legislatura, promossa a capogruppo lo scorso marzo.

Ministero all’Ambiente, tutela del territorio e del mare: Sergio Costa (area M5S). Napoletano, nato nel ’59, è docente nell’arma dei Carabinieri. E’ stato referente delle investigazioni di “Ecomafia”, presso la Direzione nazionale antimafia. Ha operato anche nell’ambito del Corpo forestale dello stato.

Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: Giancarlo Giorgetti (Lega). Originario della provincia di Varese, 51 anni, è considerato il numero due di Matteo Salvini. Commercialista e revisore contabile, è stato sindaco di Cazzago Brabbia. In Parlamento dal 2001, ha ricoperto la carica di presidente della Commissione Bilancio fra il 2008 e il 2013. Attualmente è capogruppo leghista alla Camera dei Deputati.

nuovo.governo-lega-M5s

Alfonso Bonafede, Giulia Bongiorno e Giulia Grillo

views:
3541
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Ad Alfonso Bonafede (Mazara del Vallo) il Ministero della Giustizia; a Giulia Bongiorno (Palermo) il Ministero della Pubblica Amministrazione; a Giulia Grillo (Catania) il Ministero della Salute
MarsalaLive