Scoperta piantagione con circa 500 piante di cannabis: un arresto

Sono stati rinvenuti all’interno di una casa rurale circa tre chili di marijuana, prodotti dall’essiccazione delle foglie delle predette piante e due bilancini di precisione...

Mazara del Vallo – Nel pomeriggio del 19 giugno, personale della Squadra “Pegaso” della Sezione Investigativa del Commissariato di P.S. di Mazara del Vallo diretto da Damiano Lupo ha conseguito un ulteriore importante risultato operativo nella repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti.

Già da giorni il personale stava monitorando un appezzamento di terreno sito in Via San Paolo nei pressi della Chiesa San Lorenzo, all’interno del quale si riteneva avvenisse una massiccia attività di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Al fine di dare riscontro all’ipotesi investigativa, nel primo pomeriggio del 19.06.2018 è stato eseguito un accesso con conseguente perquisizione del citato appezzamento di terreno. Tale attività ha dato esito positivo, in quanto ha permesso di rinvenire un impianto di coltivazione all’aperto formato da 520 piante di cannabis indica con fusto alto circa un metro e cinquanta centimetri e con tutto l’occorrente per l’irrigazione e la concimazione delle piante.

Inoltre sono stati rinvenuti all’interno di una casa rurale ubicata nel citato terreno circa tre chili di marijuana prodotti dall’essiccazione delle foglie delle predette piante e due bilancini di precisione.

Quanto rinvenuto è stato posto sotto sequestro penale. Per il relativo trasporto dal luogo del ritrovamento al Commissariato è stato, peraltro, necessario utilizzare un grosso mezzo d’opera messo a disposizione dall’Ufficio Tecnico Comunale.

Una prima stima approssimativa ha condotto a ritenere che la sostanza stupefacente che sarebbe stata ottenuta dalle predette piante avrebbe potuto rendere, con lo spaccio al minuto, non meno di 500.000 euro di profitto.

Conseguentemente, Michele Giacalone, cittadino mazarese di anni 40, con pregiudizi penali in materia di reati concernenti le sostanze stupefacenti, sorpreso ad innaffiare e curare la piantagione, è stato arrestato nella flagranza dei reati di coltivazione e produzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Completata la redazione dei relativi atti di polizia giudiziaria, come disposto dal P.M. di turno, Giacalone è stato posto agli arresti domiciliari, presso la propria abitazione in attesa della convalida dell’arresto e del giudizio direttissimo.

L’odierno arresto si innesta in un complesso ed articolato filone operativo volto a contrastare con determinazione il fenomeno della diffusione delle droghe pesanti e leggere a Mazara del Vallo. Sotto tale profilo, sono stati effettuati numerosi controlli in corrispondenza dei punti nevralgici del territorio, sfociati in perquisizioni personali che hanno permesso, nel primo semestre dell’ anno in corso, di contestare a trentadue soggetti la violazione amministrativa per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti, ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. n. 309/1990. Inoltre, sempre nel corso del semestre dell’anno, sono stati tratti in arresto quattordici soggetti nella fragranza di reati in materia di sostanze stupefacenti. [Comunicato stampa Commissariato Polizia di Stato]

GIACALONE-Michele-piantagione

GIACALONE-Michele

views:
2964
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Sono stati rinvenuti all’interno di una casa rurale circa tre chili di marijuana, prodotti dall’essiccazione delle foglie delle predette piante e due bilancini di precisione...
MarsalaLive