Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Marsala Calcio – Città di Gela 1-2: si ferma ai 32esimi la corsa in Coppa Italia di Serie D

Gli azzurri di mister Chianetta non hanno assolutamente demeritato al cospetto di una squadra, quella nissena, attrezzata apertamente per migliorare il 7° posto colto nel campionato di Serie D girone I 2017/2018. E, se...

Marsala – Si ferma ai Trentaduesimi di Finale la corsa in Coppa Italia di Serie D 2018/2019 per gli azzurri: il passo falso arriva dove meno te lo aspetti, proprio al “Nino Lombardo Angotta”, il “tempio” azzurro, davanti a 900 spettatori venuti a riabbracciare i loro beniamini per la prima stagionale casalinga. Ai sedicesimi di Finale (mercoledì 10 ottobre 2018 contro l’Acr Messina in sede da stabilire) approda il Città di Gela, che scappa via da Marsala con un 1-2 tutto sommato meritato, anche se gli azzurri di mister Chianetta non hanno assolutamente demeritato al cospetto di una squadra, quella nissena, attrezzata apertamente per migliorare il 7° posto colto nel campionato di Serie D girone I 2017/2018. E, se come dice mister Zeman senior “il risultato è casuale, la prestazione no”, il bicchiere azzurro rimane mezzo pieno in vista dell’inizio del campionato.

LA CRONACA:

E’ il festival di “Zemanlandia”, con mister Karel, figlio di cotanto Zdenek, che sfoggia il 4-3-3 di casa con Dieme e Ragosta ad accettare le sponde di Bonanno e mister Chianetta (con il suo vice-allenatore mister Sciacca emblema del “Foggia dei Miracoli”) a specchio con due cambi rispetto alla vittoriosa trasferta contro l’Acireale: Giuffrida quarto a destra in difesa per Benivegna e Ciancimino, al debutto stagionale, gravato tra l’altro da problemi di stomaco, in luogo dello squalificato Prezzabile.

Partono a cannone gli ospiti, con Giappone che al 3′ deve smanacciare fuori dall’area piccola una palla vagante che per poco non si insacca per il vantaggio gelese. Il Gela punge e il Marsala riesce a rispondere solo al 17′, quando Lo Nigro su punizione defilata calcia a giro a lato. Al 31′ il Marsala si distende finalmente in contropiede, con la sfera giusta che capita sul sinistro di Ciancimino, ma la mezzala sinistra apre troppo il piatto e conclude di pochissimo a lato. Al 37′ la pressione del Gela arriva a uno sfogo: dopo gli sviluppi di un calcio da fermo, una “seconda palla” arriva sull’out destro, contro-cross immediato e Sicignano salta più in alto di tutti battendo Giappone sul secondo palo per lo 0-1. Prima dell’intervallo è ancora Gela: Bonanno spara da oltre 30 metri, Giappone si distende in angolo.

Nella ripresa scende in campo un altro Marsala: passano venti secondi, sponda di Balistreri e Sekkoum dall’out di destra dell’area di rigore trova il secondo gol stagionale, che vale l’1-1. Il Marsala è una furia e sull’out sinistro l’asse Galfano-Tripoli fa ammattire la squadra di Zeman: al 51′ è incredibile come prima Balistreri e poi Tripoli non riescano a segnare da pochi centimetri dalla linea di porta il gol del sorpasso. Al 54′ l’occasione è per Candiano ben imbucato da Tripoli, ma il diagonale si spegne a lato. Al 58′ ennesimo mischione in area gelese, ma capitan Sekkoum spara alto da buona posizione. Il Marsala raccoglie solo un gol in 25 minuti di furia, così il Gela esce dall’angolo tramortito ma pronto a non arrendersi ai tiri di rigore (due su due fino a quel momento per i lilibetani nei turni precedenti), e a venire avanti in cerca del gol vittoria come la propria filosofia impone. Al 76′ Giappone è miracoloso a chiudere lo specchio al neo-entrato Sowe, ma dall’angolo successivo nasce il gol dell’1-2 con Federico che ammutolisce la bolgia del “Lombardo Angotta” di testa. Nel finale sono i neo-entrati Mazzara (classe ’00, al debutto assoluto in maglia lilibetana) e Corsino ad avere sui piedi le palle per portare la sfida ai rigori, ma gli azzurri hanno esaurito i crediti con la fortuna, tanto che in pieno recupero è il neo-entrato Genna a bloccare l’uno a tre di Sowe sulla linea, dopo che il gol era ormai cosa fatta.

I TABELLINI:

Marsala – Città di Gela 1-2 (0-1 p.t.)

Marsala: Giappone (’01), Giuffrida (’99), Galfano (’99) (79′ D’Anna (’00) ), Sekkoum (K), Maraucci, Giardina, Ciancimino (’99) (70′ Mazzara (’00) ), Lo Nigro (85′ Manfrè), Balistreri, Tripoli (90’+1′ Giannusa), Candiano (73′ Corsino). A disposizione: Jaber Keba, Benivegna (’00), Fragapane, Parisi. Allenatore: Ignazio Chianetta.

Città di Gela: Placido (’00), Mengoli (’98) (60′ Polito (’99) ), Caruso (’99) (70′ Misale), Mannoni, Brugaletta, Sicignano (K), Dieme (46′ Sowe), La Vardera, Bonanno (85′ Di Domenico (’98) ), Schisciano (’98) (70′ Federico (’99) ), Ragosta. A disposizione: Rao (’00), Cuzzilla (’98), Mauro (’00), Khouaja (’00). Allenatore: Karel Zeman.

Arbitro ed Assistenti: Sig. Alessandro Cutrufo della Sez. A.I.A di Catania; Sigg. Roberto Allocco della Sez. A.I.A di Bra (Cn) e Lorenzo Mazzarà della Sez. A.I.A di Messina.
Reti: 37′ Sicignano (G), 46′ Sekkoum (M), 77′ Federico (G).
Ammonizioni: Maraucci (M); Polito (G).
Espulsioni: /
Corner: 6 a 4 per il Città di Gela.
Recuperi: 0′ p.t e 5′ s.t.
Spettatori: 900 circa.

views:
1065
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Gli azzurri di mister Chianetta non hanno assolutamente demeritato al cospetto di una squadra, quella nissena, attrezzata apertamente per migliorare il 7° posto colto nel campionato di Serie D girone I 2017/2018. E, se...
MarsalaLive