“Senza i dipendenti comunali, nessun servizio ai cittadini. Siano rispettati i diritti”

3700 lavoratori assicurano ogni giorno servizi agli oltre 500mila cittadini che abitano nei 24 Comuni della provincia di Trapani. Sono i dipendenti degli enti locali del territorio trapanese, grazie ai quali quotidianamente si può usufruire di...

Trapani – 3700 lavoratori assicurano ogni giorno servizi agli oltre 500mila cittadini che abitano nei 24 Comuni della provincia di Trapani. Sono i dipendenti degli enti locali del territorio trapanese, grazie ai quali quotidianamente si può usufruire di servizi che vanno da quelli socio – assistenziali come gli asili, a quelli della sicurezza con la Polizia locale. Per tutelare i diritti di “questo popolo di onesti lavoratori”, Marco Corrao, segretario generale aggiunto della Cisl Fp Palermo Trapani, ha scritto una lettera aperta a tutti i sindaci della provincia trapanese, ribadendo il ruolo fondamentale che questo personale svolge per la collettività. “I casi tristemente noti di assenteismo – scrive Corrao – commessi da una sparuta minoranza, hanno indotto a demonizzare un’intera categoria che invece ogni giorno con senso del dovere e abnegazione, assicura la funzionalità di tutta la macchina amministrativa”. La Cisl Fp rimarca di essere in prima linea contro “i fannulloni” e pretende che “questi casi isolati siano giudicati e puniti secondo le leggi in vigore”. “Con lo stesso rigore – continua Corrao – esigiamo che tutti ai dipendenti onesti, la maggioranza, sia riconosciuto quanto previsto dal contratto di lavoro”. La federazione del pubblico impiego della Cisl chiede che i sindaci procedano nel più breve tempo possibile a convocare le sigle sindacali. “Da amministratori pubblici e da cittadini utenti – aggiunge Corrao – siete come noi consapevoli della necessità di valorizzare le professionalità operanti nei Comuni, tutelando la dignità dei dipendenti. Dunque va messo a sistema l’istituto contrattuale del salario accessorio, che non è un privilegio ma un diritto riconosciuto dallo Stato italiano a questi lavoratori”.


Ecco la lettera aperta di Marco Corrao

Trapani, 24 settembre 2018

Preg.mi Sindaci della provincia di Trapani

Da sempre la Cisl Fp ha voluto instaurare un clima di collaborazione leale e costruttiva con le amministrazioni cittadine, riconoscendo il fondamentale ruolo che gli enti locali svolgono nella vita del Paese. Sono infatti gli enti locali a garantire ogni giorno servizi essenziali ai cittadini, da quelli socio – assistenziali a quelli della sicurezza urbana per citare solo qualche esempio. Gli uffici delle amministrazioni locali sono un fondamentale presidio di civiltà, di legalità e di democrazia nel nostro territorio, come Voi ben sapete, gestendo in prima persona la res pubblica nella provincia di Trapani. Tutti siamo concordi nel ritenere indispensabili i servizi per i cittadini ma troppo spesso tendiamo a dimenticare che a garantire ogni giorno la loro erogazione, sono donne e uomini che con orgoglio sono dipendenti della Pubblica amministrazione locale. I casi tristemente noti di assenteismo commessi da una sparuta minoranza di dipendenti pubblici, hanno purtroppo indotto a demonizzare per intero il personale che lavora nelle amministrazioni pubbliche. Si è fatta di tutta l’erba un fascio, calpestando la dignità di tantissimi lavoratrici e lavoratori onesti che con senso del dovere e abnegazione, assicurano la funzionalità della macchina burocratica dei Comuni in Italia e nella nostra provincia. Noi siamo schierati in prima linea contro i fannulloni, pretendiamo che siano giudicati ed eventualmente puniti secondo le leggi in vigore e con lo stesso rigore esigiamo che a tutti gli altri dipendenti, la maggioranza dei dipendenti, quel popolo di onesti lavoratori, sia riconosciuto quanto indicato nei contratti di lavoro. Questa consapevolezza ci spinge a ribadire la necessità, da noi da tempo espressa, di mettere a sistema l’erogazione del salario accessorio. Questo istituto contrattuale non è un odioso privilegio, appannaggio di pochi eletti, ma è un diritto che lo Stato italiano, nelle forme della concertazione fra ministeri e sigle sindacali prima e poi nella stipula dei contratti, ha riconosciuto ai dipendenti delle amministrazioni locali. Nella convinzione che Voi, nella duplice veste di amministratori pubblici da un lato e di cittadini /utenti dei servizi erogati dagli enti locali, condividiate la necessità di valorizzare le professionalità operanti nei Comuni della provincia di Trapani e dunque di tutelare la dignità dei lavoratori comunali, Vi chiediamo di convocare nel più breve tempo possibile le sigle sindacali firmatarie del contratto di lavoro, per affrontare tutte le tematiche relative al personale in servizio nei Comuni da Voi amministrati.

Marco Corrao
Segretario generale aggiunto Cisl Fp Palermo Trapani

views:
218
ftf_open_type:
kia_subtitle:
3700 lavoratori assicurano ogni giorno servizi agli oltre 500mila cittadini che abitano nei 24 Comuni della provincia di Trapani. Sono i dipendenti degli enti locali del territorio trapanese, grazie ai quali quotidianamente si può usufruire di...
MarsalaLive