Piano Finanziario dei Rifiuti, assestamento economico: il Consiglio comunale approva a maggioranza

Da domani l’esame del Bilancio di Previsione 2018 - L’emendamento a firma dei consiglieri Sinacori, Flavio Coppola, Aldo Rodriquez, Eleonora Milazzo, Galfano, Sturiano, Ferreri, Meo, Mario Rodriquez, Licari, Gandolfo, Nuccio, Marrone, Geradi e Walter Alagna, che...

Marsala – Nella tarda mattinata di oggi il Consiglio comunale ha esitato positivamente con 11 voti favorevoli (Ferreri, Flavio Coppola, Meo, Cordaro, Mario Rodriquez, Walter Alagna, Nuccio, Pino Milazzo, Galfano, Gandolfo e Licari), 4 astenuti (Marrone, Gerardi, Alesandro Coppola e Aldo Rodriquez) e 1 contrario (Sturiano) l’assestamento economico del piano finanziario dei rifiuti 2018. Prima della votazione l’atto è stato emendato ed è stato approvato con votazione unanime dei 16 consiglieri, in quel momento presenti, a Sala Delle Lapidi.

L’emendamento a firma dei consiglieri Sinacori, Flavio Coppola, Aldo Rodriquez, Eleonora Milazzo, Galfano, Sturiano, Ferreri, Meo, Mario Rodriquez, Licari, Gandolfo, Nuccio, Marrone, Geradi e Walter Alagna, che ha avuto parere favorevole tecnico e finanziario da parte dei dirigenti e del Collegio dei Revisori dei Conti pone delle modifiche al piano di assestamento così distinte:

a) Aumentare di 50 mila euro + Iva la voce “Disinfestazione e derattizzazione”;

b) Aumentare di 25 mila euro + Iva la voce “Raccolta e smaltimento di Eternit;

Fare fronte alla somma necessaria per i due interventi prelevandola da “Rifiuti Indifferenziati periodo agosto-dicembre”.

I lavori sono stati aggiornati a domani mattina con inizio alle ore 10,00. Esaurite ed approvate tutte le delibere propedeutiche, il Consiglio inizierà domani l’esame del Bilancio di Previsione.

Di seguito lo svolgimento in sintesi della giornata di ieri fermo restando che l’intera seduta è visibile e ascoltabile collegandosi con il sito internet: https://www.youtube.com/watch?v=9lEmO1UlXlg

1° Appello – Ore 10,50 – Presenti 22/30

Il Presidente Sturiano invita i consiglieri ad attenersi, nei loro interventi, all’esame dell’atto deliberativo.

Il consigliere Antonio Vinci ricorda la figura di Michele Giacalone, consigliere comunale nel quinquennio 1972-1977, repubblicano e sindacalista, che si è occupato di agricoltura e cooperazione. Chiede un minuto di raccoglimento (si allega nota). Fa le condoglianze al Vice Sindaco per la scomparsa dello zio.

Il presidente Sturiano si associa al cordoglio.

La consigliera Linda Licari chiarisce che si è sempre espressa in maniera democratica senza essere intimorire mai nessuno. Parla di attacco verbale al termine della scorsa seduta di consiglio comunale. Si dichiara disponibile ad ascoltare tutti senza accapigliarsi. La città si aspetta tanto da quest’aula.

Il Presidente Sturiano chiede scusa alla consigliera Licari affermando, comunque, che il regolamento va rispettato e che l’ordine è la prima cosa a cui tiene. Specifica che spesso ha visto sorridere la consigliera Licari quando lui interviene e ciò non è tollerabile. Non è legittimo prendere in giro chi interviene per dare il proprio contributo al dibattito.

Il consigliere Antonio Vinci chiede scusa per il tono della scorsa seduta e in particolare alla consigliera Meo alla quale fa però presente che lo ha provocato e deriso per la sua votazione sul Dup. Ognuno ha la propria dignità che va difesa e tutelata. Racconta come sono si sono svolti i fatti al termine della scorsa seduta di consiglio comunale. Sottolinea che non accetta strumentalizzazioni da nessuno e che fino ad adesso non ha ancora avuto modo di discutere della delibera in esame nella Commissione di cui fa parte.

Il consigliere Ivan Gerardi entra nel merito dell’atto deliberativo e ravvisa che la determina di contestazione del 2016 è manchevole di alcuni requisiti.

Il Presidente sottolinea che è giusto che in Consiglio si esamini quanto necessario per delucidare e chiarire tutti gli aspetti dell’atto in esame.

La consigliera Federica Meo accetta le scuse del collega Vinci ma rigetta le accuse di avere provocato lo stesso rappresentante di Palazzo VII Aprile. Narra come si sono svolti – a suo dire – i fatti.

Il consigliere Pino Cordaro si augura che questa mattina si possa avere delucidazioni sull’argomento in esame e si possa votare l’atto. A Vinci riconosce di avere saputo svolgere le funzioni di capogruppo quanto guidava il PD.

Il consigliere Calogero Ferreri parla di ritrovata calma e fa presente che il Presidente deve essere garante in aula del buon andamento dei lavori e del rispetto fra consiglieri. Nel merito dell’atto deliberativo in esame dà delle precise notizie.

Il vice Presidente Arturo Galfano riepiloga quanto è stato asserito sull’atto in esame. Fa la cronistoria dell’atto in esame e chiede chiarimenti tecnici (tempi per il ricorso, mancata notifica, ecc.). Parla di “confusione” e chiede di sapere a cosa si andrà incontro in caso di mancata approvazione dell’atto in esame. Ritorna sulla questione Salinella e chiede che se l’atto non viene approvato diventerà o meno un debito fuori bilancio.

Il consigliere Aldo Rodriquez precisa che ha letto più volte l’atto deliberativo e rimane convito che diverse cose non lo convincono. Incentra la sua attenzione sul problema “ricorsi”. Chiede al Presidente se ritiene opportuno convocare in aula l’avvocato Floridia per i chiarimenti che richiede il caso.

Il Presidente concorda ma fa presente che l’avv. Floridia è in Tribunale. Sottolinea che non vi è nessuna nota della ditta che accettava la penale. Da dei chiarimenti e rileva che non è stata presentato opposizione.

Il consigliere Calogero Ferreri precisa che sulla situazione sono state opportune le contestazioni formulate nei confronti dell’Aimeri.

Il Presidente Sturiano fa presente che l’atto deliberativo in esame è carente di documentazione.

Il consigliere Linda Licari si dichiara d’accordo con il collega Ferreri. Sottolinea che per votare l’atto bisogna essere sereni. E auspica in intervento del dirigente Patti.

Il consigliere Walter Alagna fa presente che ogni rappresentante deve svolgere il suo lavoro. Precisa che la litigiosità riguarda la maggioranza. Parla di rabbia estrema e entrando nel merito dell’atto fa presente che solo oggi ci si accorge del risparmio dell’A.C. Parla di atteggiamento irascibile e sottolinea che ogni consigliere ha la libertà di poter decidere su come comportarsi nel rispetto delle regole.

Il consigliere Daniele Nuccio auspicando più calma, afferma che ogni atto deve essere dovutamente argomentato valutando gli errori e cercando di capire se essi siano stati fatti in buona o cattiva fede. E’ d’accordo con la contestazione.

Il Vice Sindaco Licari ringrazia il Consiglio per il contributo dato sull’atto in esame. Sottolinea che ai primi di settembre gli è stato fatto presente che l’emergenza rifiuti in agosto ha creato grandi problemi economici (aumento del costo di smaltimento). Come coprire la spesa. A fronte di questa debito di un milione e 300mila euro l’ufficio gli fa notare che l’Energetika Ambiente è debitrice nei confronti del Comune della somma di oltre 500 mila euro e che la stessa azienda non lo ha contestato. A seguito di ciò il comune paga il debito di 818 mila euro. Se non si fosse utilizzato i 530 mila euro si sarebbe dovuto gravare sui cittadini. In caso di approvazione si potranno avere benefici.

Il Presidente sottolinea che il Vice Sindaco è stato preciso cosa che non è avvenuta nella scorsa seduta. Rileva che in Consiglio comunale si cerca solo chiarezza.

Il Dirigente Francesco Patti sottolinea che l’autorità competente in materia e il giudice ordinario. Dà i chiarimenti tecnici richiesti dall’aula e fa presente che ogni qual volta vi è un’ingiunzione si fa opposizione.

Il Presidente interviene per precisare che Aimeri ha ceduto il credito a Eneregtika che poi ha chiesto il pagamento di un 1 milione e 300 mila euro al Comune. Ente questo che poi ha pagato e riconosciuto un debito di 870 mila euro considerato che è stata applicata una penale di oltre 500 mila euro.

Il Dirigente Patti precisa che a distanza di 28 mesi non è stata fatta opposizione sulla contestazione di oltre 500 mila euro.

La consigliera Federica Meo ringrazia il Presidente per avere chiarito le sfaccettature dell’atto in esame.

Il consigliere Pino Milazzo fa presente che il dibattito è stato produttivo perché l’atto deliberativo era deficitario di documentazione. Preannuncia il voto favorevole.

Il consigliere Giovanni Sinacori ribadisce quanto detto precedentemente e cioè che l’atto non era supportato dalla dovuta documentazione. Oggi però tutto è stato chiarito. Ribadisce però che l’A.C. troppo spesso invia in Consiglio delibere di somma urgenza a pochi giorni dalla scadenza e ciò non è possibile. Facciamo monito di quanto verificatosi per fare in modo che ciò non accada più. Ribadisce che il Consiglio comunale opera nell’interesse della città.

Il consigliere Michele Gandolfo concorda con il collega Sinacori sul ritardo con cui gli atti vengono proposti al Consiglio. Sull’atto in esame si dichiara soddisfatto che è stata applicata all’Aimeri una penale. Sottolinea che questa volta l’A.C. è riuscita a far risparmiare ai cittadini oltre 500 mila euro.

Il collega Alfonso Marrone annuncia l’astensione del gruppo perché l’atto non li convince.

Il Segretario Generale precisa che, dopo la Bassanini, il Segretario non entra più nel merito degli atti. Fa presente che, in ordine alle parole di Arturo Galfano, che si tratta di coprire e riequilibrare un superiore costo con una somma contestata all’Aimeri. Se così non sarà si produrrà un debito fuori bilancio. Il consiglio comunale deve riequilibrare il costo del servizio.

La consigliera preannuncia il voto favorevole del proprio gruppo anche alla luce dei chiarimenti avuti.

La consigliera Linda Licari preannuncia anch’essa il proprio voto favorevole. Auspica che presto venga firmato il nuovo contratto per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Il consigliere Pino Cordaro preannuncia il proprio voto favorevole visto che sia il vice Sindaco che il dirigente Patti hanno fornito i dovuti chiarimenti.

Il vice presidente Galfano dopo i chiarimenti avuti preannuncia il proprio voto favorevole. Parla di considerevoli incomprensioni e condivisione fra consiglio e Giunta. Il suo voto è finalizzato anche e soprattutto anche a non fare aumentare le tasse ai cittadini.

Il consigliere Flavio Coppola dà lettura dell’emendamento presentato da diversi consiglieri comunali. Fa un plauso all’Amministrazione per le contestazioni operate nei confronti dell’Energetikambiente.

Sull’emendamento vi sono i pareri tecnico e contabile favorevoli.

Il gruppo del Pd tramite Ferreri preannuncia, come Cordaro, il voto favorevole sull’emendamento

Il Presidente Sturiano si dichiara favorevole all’emendamento e contrario all’atto deliberativo in toto per la poca sensibilità dell’Amministrazione che avrebbe fatto meglio a ritirare l’atto in esame, a intergrarlo per poi presentarlo entro il 30 novembre.

L’Amministrazione – dice il Vice Sindaco – dichiara di condividere l’emendamento presentato. Rappresenta che l’atto in esame è stato portato in Consiglio per scongiurare un debito fuori bilancio di almeno 150mila euro nei confronti di Trapani Servizi. Si dispiace di essere stato frainteso nel suo intervento di lunedì scorso. Invita il Consiglio comunale a votare favorevolmente.

Votazione Emendamento

Approvato all’unanimità con 16 voti favorevoli su 16 votanti

Votazione Atto deliberativo

Approvato a maggioranza con 11 favorevoli, 4 astenuti e 1 contrari

Il Presidente aggiorna i lavori a domani con inizio alle ore 10,00 – Sono le ore 14,00.


Il consigliere Antonio Vinci ricorda la figura di Michele Giacalone

Il consigliere Antonio Vinci ricorda la figura di Michele Giacalone

views:
314
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Da domani l’esame del Bilancio di Previsione 2018 - L’emendamento a firma dei consiglieri Sinacori, Flavio Coppola, Aldo Rodriquez, Eleonora Milazzo, Galfano, Sturiano, Ferreri, Meo, Mario Rodriquez, Licari, Gandolfo, Nuccio, Marrone, Geradi e Walter Alagna, che...
MarsalaLive