Busta con proiettile a Claudio Fava: è presidente Antimafia in Sicilia. I messaggi di solidarietà

Il commento dei politici - Ad aprire il plico sono stati alcuni collaboratori di Claudio Fava, che hanno immediatamente avvertito la Digos. Gli agenti sono entrati a Palazzo e hanno sequestrato la busta; oltre al proiettile non ci sarebbe stato altro all'interno...

Una busta con un proiettile è stata recapitata questa mattina a Claudio Fava, presidente della commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana. La busta, contenente un proiettile calibro 7,65, è stata sequestrata dagli agenti della Digos che hanno avviato le indagini. La busta è arrivata in commissione Antimafia, gli uffici si trovano al piano basso di Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea siciliana, assieme ad altra corrispondenza. Ad aprire il plico sono stati alcuni collaboratori di Claudio Fava, che hanno immediatamente avvertito la Digos. Gli agenti sono entrati a Palazzo e hanno sequestrato la busta; oltre al proiettile non ci sarebbe stato altro all’interno.

Al presidente della commissione Antimafia Claudio Fava la solidarietà della redazione di Marsala Live.

Claudio Fava sulla propria pagina Facebook
“Ho letto, e vi ringrazio. La pallottola è una, le voci (vostre) sono tante. E dicono una cosa semplice ed autentica: c’è una Sicilia, c’è un’Italia, che non vogliono volgere altrove lo sguardo. Che le cose cupe e dure di questi anni hanno scelto di guardarle in faccia, ciascuno facendo il proprio mestiere mi sembra una buona notizia, alla faccia di chi preferisce mandare a dire nascosto e di nascosto, con letterine e proiettili. La risposta, a lui e agli altri, è sempre la stessa da trentacinque anni: noi andiamo avanti”.


I COMMENTI DEI POLITICI

Marsala, il sindaco Alberto Di Girolamo e il presidente del Consiglio comunale Vincenzo Sturiano
“Vogliamo manifestare a nome della Città, dell’Amministrazione comunale e del Consiglio comunale la nostra vicinanza e solidarietà all’On. Claudio Fava, Presidente della Commissione Antimafia della Regione Siciliana, cui è stato fatto recapitare, in una busta chiusa, un proiettile calibro 7,65 come quello che uccise, tanti anni fa, suo padre. Un chiaro gesto intimidatorio che siamo certi non fermerà e non limiterà il lavoro dell’On. Fava che si è sempre prodigato per affermare la legalità e per contrastare il crimine organizzato. La Sicilia ha bisogno del sapiente lavoro di uomini come Claudio Fava”. Queste le dichiarazioni del Sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, e del Presidente del Consiglio comunale, Enzo Sturiano, a seguito del gesto intimidatorio perpetrato nei confronti del parlamentare regionale che nei giorni scorsi si era fatto promotore di un decreto legge sulla Massoneria. Nel condannare il vile gesto, i due amministratori, auspicano anche che “presto gli esecutori vengano presto assicurati alla giustizia”. E, ancora, sempre Di Girolamo e Sturiano, manifestano il loro compiacimento nei confronti della Questura di Trapani per le ultime (in ordine temporale) operazioni di lotta alla mafia che hanno consentito di assicurare alla giustizia due pericolosi criminali inseriti nella lista dei più pericolosi latitanti.

Eleonora Lo Curto – Gruppo UDC ARS
“Il gesto vile ed intimidatorio nei confronti del presidente della Commissione regionale Antimafia Claudio Fava deve far alzare il livello di attenzione. Esprimo tutta la mia solidarietà e quella del gruppo Udc all’Ars. L’intimidazione a Fava è un segnale che non può essere sottovalutato e che deve ricevere come risposta la piena solidarietà del mondo politico e istituzionale. Non vorremmo mai più trovarci davanti all’imponderabilità di atti ancora più gravi. Riconosconcome l’azione parlamentare del collega Fava contribuisca in maniera efficace alla lotta contro la criminalità organizzata. Ed è evidente come il parlamento siciliano assecondi il lavoro della Commissione Antimafia nelle sue istruttorie finalizzate all’affermazione di valori come la verità e legalità. La mia totale sintonia con le iniziative intraprese da Fava per contrastare la mafia, la corruzione e il sistema delle illegalità, mi porta ad affermare che quando un atto reca la sua firma è come se si leggesse nel suo nome anche il mio”. Lo dice Eleonora Lo Curto, capogruppo dell’Udc all’Assemblea regionale siciliana.

Giuseppe Lupo – Gruppo PD ARS
“A Claudio Fava va la solidarietà mia personale e quella del gruppo PD all’Ars”. Lo dice Giuseppe Lupo, capogruppo del PD, a proposito della busta contenente un proiettile indirizzata al presidente della commissione regionale Antimafia all’Ars Claudio Fava. “Saranno le Forze dell’ordine e la magistratura a far luce su un episodio che inquieta ma che – aggiunge Lupo – siamo certi, non interferirà con il lavoro importante e delicato che Fava sta portando avanti all’interno del Parlamento regionale”.

Forza Italia ARS
Questa mattina, una busta contenente un proiettile calibro 7,65 è stata recapitata al presidente della Commissione antimafia presso l’Assemblea regionale siciliana, on. Claudio Fava. Il capogruppo di Forza Italia all’ARS, on. Giuseppe Milazzo, nel condannare il vile gesto, esprime piena solidarietà all’on. Fava: “Un episodio del genere, ai danni di un Rappresentante delle Istituzioni sul territorio è inaccettabile. Ribadisco la mia piena vicinanza al deputato e collega Fava, augurandogli di continuare al meglio nel lavoro che la Commissione da lui presieduta sta svolgendo. È questa la migliore risposta all’increscioso gesto intimidatorio che mortifica tutti i siciliani onesti”. A seguito dell’accaduto, la Digos ha già provveduto al sequestro della busta e ad avviare le indagini.

Luisa Lantieri – Gruppo PD ARS
“Un grave atto intimidatorio che sono certa non farà venir meno la determinazione e l’impegno di Claudio Fava sempre in prima linea contro ogni forma di illegalità”. Lo dice la componente Pd della commissione regionale antimafia Luisa Lantieri a proposito della busta contenete un proiettile ricevuta dal presidente della Commissione. “Esprimo la mia personale solidarietà al presidente Fava, con il quale in Commissione ho affrontato temi importanti e delicati a cominciare dal caso Montante fino alla richiesta di verità su via d’Amelio. Auspico – conclude – che le Forze dell’ordine facciano luce sull’accaduto nel più breve tempo possibile”.

On. Giorgio Assenza – Presidente del Collegio dei Questori. Componente Commissione Antimafia
“Solidarietà piena al collega e presidente della Commissione antimafia” viene espressa da Giorgio Assenza, dopo il recepimento della busta con la pallottola inviata a Claudio Fava presso l’Ars.

On. Giuseppe Zitelli – Diventerà Bellissima
Il segretario della commissione Antimafia all’Ars, Giuseppe Zitelli, esprime solidarietà al presidente della stessa commissione, Claudio Fava, destinatario di una busta con proiettile.

Marianna Caronia – Presidente del Gruppo Misto all’Assemblea Regionale Siciliana
“Sono assolutamente certa che il vile atto intimidatorio che ha colpito oggi il collega Claudio Fava, cui esprimo la solidarietà mia personale e di tutto il gruppo parlamentare, non avrà alcun esito, se non quello per rafforzare la sua volontà di proseguire con determinazione e professionalità nell’impegno di Presidente della commissione regionale Antimafia”.

Giovanni Musumeci, segretario generale territoriale della Ugl Catania
“Siamo solidali con il presidente della commissione parlamentare antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, Claudio Fava, per l’ennesima vile minaccia ricevuta e non possiamo che essergli vicini nel suo impegno volto a cercare, chiedere e pretendere trasparenza e legalità, sia fuori che dentro le istituzioni, senza alcun distinguo. Il vile gesto, che condanniamo, è il segnale della vitalità di una mentalità criminale che va ancora ulteriormente contrastata, con l’aiuto e l’impegno di tanti siciliani che non vogliono abbassare la testa.” Lo dice Giovanni Musumeci, segretario generale territoriale della Ugl di Catania, a nome di tutta l’organizzazione sindacale.

Rossana Cannata, Vice Presidente Commissione Antimafia
“Apprendo del vile atto intimidatorio subìto questa mattina dal presidente della Commissione Antimafia all’Ars, on. Claudio Fava, cui è stata recapitata una busta contenente un proiettile calibro 7,65. Un gesto deplorevole e inaccettabile verso chi lavora per contrastare corruzione e mafia”. Così la deputata all’Ars Rossana Cannata. “Come Vice Presidente della suddetta Commissione condanno fortemente l’accaduto, esprimo la mia vicinanza all’onorevole Fava e confido nell’operato delle Forze dell’Ordine. In Commissione Antimafia si continuerà a lavorare con il massimo impegno, affinché tutti i siciliani possano vedersi garantite giustizia e legalità”.

Forum siciliano dei movimenti per l’Acqua ed i Beni Comuni
Il Presidente della Commissione Antimafia all’ARS non è solo – Il Forum Siciliano dei movimenti per l’Acqua e i Beni Comuni esprime convinta solidarietà alla persona dell’onorevole Fava che con il suo lavoro più recente, tra sfida alla massoneria, monitoraggio sulla confindustria implicata nel caso Montante, rinnovate indagini sul Via D’Amelio e la strage Borsellino, ha reso visibile anche il protagonismo di un’antimafia viva e sociale che noi siciliani costruiamo a partire dalle battaglie sull’acqua e i beni comuni, da sempre oggetto degli interessi mafiosi. Ricordiamo, con Umberto Santino, che il primo morto per mafia, nel 1874 a Monreale, fu un fontaniere, Felice Marchese, al centro di una faida tra organizzazioni mafiose rivali per il controllo sull’acqua. Il proiettile calibro 7,65 consegnato stamane all’ARS è arrivato a tutti noi siciliani e siciliane che non ci arrendiamo davanti alle minacce, alle vili intimidazioni, e che continuiamo a lavorare per la Sicilia senza padrini e padroni.

On. Riccardo Savona (FI), presidente della Commissione Bilancio a Palazzo dei Normanni
A seguito dell’esecrabile gesto ai danni dell’on. Claudio Fava, presidente della Commissione antimafia presso l’Assemblea regionale siciliana, l’on. Riccardo Savona, presidente della Commissione Bilancio a Palazzo dei Normanni, esprime piena solidarietà e vicinanza al diretto interessato e ammonisce i colpevoli. “Trovo aberrante che si possano compiere atti intimidatori come quello ai danni del collega Fava. Questo però – continua Savona – è sinonimo di un buon lavoro condotto all’interno della Commissione da lui presieduta. Auspico che la magistratura possa fare il suo corso, affinché i mandanti possano pagare per il danno arrecato”.

Vincenzo Figuccia, Gruppo parlamentare UDC all’ARS
“Esprimo la mia solidarietà al collega Claudio Fava e sono certo egli sia persona che non cede alle minacce e che proseguirà il proprio impegno a testa alta. Auspico che la Digos possa venire a capo rapidamente sugli autori di questa grave intimidazione poiché non ci si può rassegnare alla brutalità di un vile gesto. L’impegno di Fava da presidente della Commissione regionale Antimafia si sta caratterizzando per un forte attivismo utile tutti a chiarire vicende recenti dalle quali emerge il malaffare e la connivenza con ambienti mafiosi anche di ambienti vicini alla politica e all’amministrazione recente della nostra Regione. La determinazione di Fava non verrà certo scalfita da alcuna minaccia o tentativo di intimidazione”. Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc.

Carmelo Pullara, Capogruppo di Autonomisti e Popolari e membro della Commissione Speciale Antimafia dell’Ars
“Non possiamo farci intimidire, il lavoro di questa Assemblea per fare chiarezza sul nostro passato e per garantirci un futuro diverso, libero dalla criminalità e dal malaffare organizzato deve continuare senza turbamenti. Per questo esprimo il mio pieno sostegno al collega Fava, lo esorto a non farsi intimidire dal vile gesto di cui è stato vittima in questi giorni”.

 

views:
723
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Il commento dei politici - Ad aprire il plico sono stati alcuni collaboratori di Claudio Fava, che hanno immediatamente avvertito la Digos. Gli agenti sono entrati a Palazzo e hanno sequestrato la busta; oltre al proiettile non ci sarebbe stato altro all'interno...
MarsalaLive