Il Popolo della Famiglia: “Vicinanza al territorio siciliano”

Nicola Di Matteo, coordinatore nazionale: "Vicinanza al territorio siciliano. Oggi si contano i danni e le vittime. Oggi il giorno dopo. Oggi il giorno del cordoglio. Vista l’emergenza..."

Il Popolo della Famiglia Sicilia esprime la sua vicinanza, la sua solidarietà al popolo siciliano provato dal maltempo di questi giorni. Agrigento, Sciacca, Licata, Menfi, i Monti Sicani e la parte centro occidentale della provincia di Palermo vengono investiti da un’autentica tempesta. Paesi e città raggiunti da acqua, fulmini e vento.

Nicola Di Matteo, coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia, dichiara: “A regnare, in questo momento, sono sia la rabbia che la tristezza per i tanti danni causati da un maltempo in grado di lasciare traccia su un territorio fortemente provato. A gettare ulteriore sofferenza è la notizia delle vittime a Casteldaccia, ma anche un morto a Vicari rendono il sabato appena trascorso come uno dei più tragici vissuti dall’Isola”. Una Sicilia sofferente, ferita, distrutta dal maltempo.

Esprime vicinanza Di Matteo al sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto che ha annunciato due giorni di lutto cittadino per le vittime del maltempo. Una tragedia che ha colpito duramente la comunità siciliana. Un evento che ci deve far riflettere. Vicini e pieni di speranza per un popolo messo in ginocchio che ha voglia di ripartire.

Di Matteo conclude con un appello: “Vista l’emergenza verificatasi in tutta Italia, dalla Sicilia al Cadore, si impone come prioritario un piano strategico e continuato di manutenzione del territorio Nazionale. Il Governo farebbe bene a dirottare su questo obiettivo una buona parte dei miliardi stanziati per il reddito di cittadinanza, incentivando un’iniziativa indifferibile”. [Ufficio stampa – Il Popolo della Famiglia]

views:
137
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Nicola Di Matteo, coordinatore nazionale: "Vicinanza al territorio siciliano. Oggi si contano i danni e le vittime. Oggi il giorno dopo. Oggi il giorno del cordoglio. Vista l’emergenza..."
MarsalaLive