Cadavere carbonizzato dentro auto di un mancato sposo: lo aspettavano in chiesa per le nozze ma…

Il sospetto è che la vittima sia proprio del proprietario dell'auto. Né lui né la fidanzata hanno alcun legame con ambienti criminali, affermano gli investigatori. Il corpo si trovava all'interno...

ULTIM’ORA – Si è svolta stamani nell’istituto di medicina legale di Palermo l’autopsia sui resti carbonizzati dell’uomo che ieri sono stati ritrovati nella zona di Piano dei Rizzi, a Salemi, all’interno di una Mercedes classe C, anch’essa completamente bruciata. L’auto è di proprietà di Francesco Ciaravolo, di 48 anni, un piccolo imprenditore di Salemi che il 28 dicembre scorso non si era presentato nella chiesa di Castelvetrano dove avrebbe dovuto sposarsi. Nel corso dell’esame autoptico è stato estratto il Dna, circostanza che consentirà agli investigatori di potere identificare con certezza la vittima. I carabinieri del Comando provinciale di Trapani e della Compagnia di Mazara del Vallo, che indagano coordinati dalla Procura della Repubblica di Marsala, sospettano che la vittima possa essere il proprietario del veicolo, di cui non si hanno più notizie da alcuni giorni. L’autopsia dovrà inoltre stabilire anche se si sia trattato di un omicidio oppure di un suicidio.


Salemi – Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato ritrovato nella zona di Piano dei Rizzi a Salemi. Il corpo era all’interno di un’auto bruciata di proprietà di Francesco Ciaravolo (una Mercedes Classe C), un uomo che nel pomeriggio dello scorso 29 dicembre non si è presentato, facendole saltare, alle sue nozze che si sarebbero dovute celebrare nella chiesa di San Francesco di Paola a Castelvetrano.

Il sospetto dei carabinieri che indagano sull’accaduto è che la vittima sia proprio il proprietario della vettura, del quale anche i parenti non hanno saputo per il momento fornire notizie.

Il corpo si trovava all’interno di un’auto, al posto del guidatore, anch’essa completamente bruciata. L’incendio potrebbe essersi sprigionato nella notte tra il 4 e il 5 gennaio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, coordinati nelle indagini dalla Procura della Repubblica di Marsala, i Vigili urbani, i Vigili del fuoco e il medico legale. I rilievi sono stati effettuati dal nucleo investigativo e dalla squadra scientifica del comando provinciale dei Carabinieri. I militari dell’Arma stanno cercando di capire se si sia trattato di un omicidio o di un suicidio.

Difficile, date le condizioni del corpo, identificare l’uomo deceduto. Le generalità si tenteranno di conoscere attraverso l’esame del DNA estratto stamani dai resti della vittima nel corso dell’autopsia. I Carabinieri non escludono che il corpo possa appartenere al proprietario della vettura: si sa per certo che l’auto appartiene a Ciaravolo, salemitano. Di Ciaravolo si sarebbero perdute le tracce da circa quattro giorni.

Ciaravolo abita con la madre ottantenne e non ha fratelli. Né lui né la fidanzata hanno alcun legame con ambienti criminali, affermano gli investigatori. La donna, di Castelvetrano, lo scorso 29 dicembre è stata piantata in asso poco prima delle nozze, quando lo sposo ha fatto sapere che non sarebbe arrivato alla cerimonia. Sembra, inoltre, che il matrimonio si dovesse celebrare già lo scorso mese di settembre e che fosse stato rimandato a dicembre.

views:
1256
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Il sospetto è che la vittima sia proprio del proprietario dell'auto. Né lui né la fidanzata hanno alcun legame con ambienti criminali, affermano gli investigatori. Il corpo si trovava all'interno...
MarsalaLive