“Arte cultura & impresa 4.0”, il 25 gennaio presso l’Istituto “Girolamo Caruso”

La scuola apre le porte ad aziende, istituti scolastici, associazioni culturali e di categoria, ordini professionali, famiglie, enti di ricerca e enti locali del territorio, per fornire un’ampia...

Alcamo – Venerdì 25 gennaio, alle ore 9.00, presso l’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Girolamo Caruso” di Alcamo, sede dei laboratori territoriali per l’occupabilità del Piano Nazionale Scuola Digitale finanziati dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, si svolgerà l’evento “Arte, cultura & impresa 4.0”.

La scuola apre le porte ad aziende, istituti scolastici, associazioni culturali e di categoria, ordini professionali, famiglie, enti di ricerca e enti locali del territorio, per fornire un’ampia e dettagliata informazione sulle potenzialità̀ del proprio laboratorio tecnologico, ormai attivo ed utilizzabile a pieno regime da tutti coloro che puntano all’innovazione e alla ricerca di soluzioni compatibili e spendibili nel mondo economico e sociale del XXI secolo. Sarà allestita una Mostra “Oggi esponiamo il futuro” dove sarà possibile vedere e provare modelli di droni e domotica a portata di tutti, programmazione App mobile oriented, fablab scanner & stampanti 3D, realtà virtuale aumentata ed immersiva, scanner 3D HD, virtual set cinematografico.

I lavori saranno aperti dal dirigente scolastico dell’Istituto Vincenza Mione, seguiranno gli interventi di Maria Luisa Altomonte, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia, Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Girolamo Turano, Assessore Regionale alle Attività Produttive, Sebastiano Tusa, Assessore Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana.

Interverranno numerosi stakeholders locali nel panorama degli enti pubblici come Domenico Surdi, sindaco del Comune di Alcamo, Giuseppe Castiglione, sindaco del Comune di Campobello di Mazara, Nicola Rizzo, sindaco del Comune di Castellammare del Golfo, Vito Sciortino, sindaco del Comune di Calatafimi – Segesta ed ancora rappresentanti di istituzioni scolastiche, produttive, culturali, ordini professionali: Andrea Badalamenti, dirigente scolastico dell’istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Sciascia e Bufalino”, Alessandro Chiarelli, componente del CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), Patrizia Fasulo, dirigente e referente regionale PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale), Rossella Giglio, direttore del Parco Archeologico di Segesta, Fiorella Palumbo, dirigente ambito territoriale di Trapani, Francesco Parrinello, presidente Collegio dei Geometri.

L’incontro sarà moderato dallo scrittore Alessandro Cacciato e da Enzo Munna, docente dell’Istituto Itet “Girolamo Caruso”.

«L’occasione sarà utile per condividere ipotesi e strategie di potenziamento del tessuto socioeconomico e tecnologico della Sicilia Occidentale e per consentire ai portatori di interesse di attivare sinergie di ricerca strategica con il supporto dei “Circoli della conoscenza”, gruppi eterogenei composti da ricercatori, docenti universitari, docenti di scuola superiore, fornitori di beni e servizi, liberi professionisti e studenti. I circoli della conoscenza avranno il compito di assistere le aziende nell’ analisi dei bisogni e favorire l’utilizzo delle innovative tecnologie di cui è dotato l’istituto. Obiettivo finale sarà la nascita della Fondazione “Istituto Tecnico Superiore per nuove tecnologie per il Made in Italy – Emporium del Golfo” che avrà il compito di attivare percorsi formativi post diploma di alta formazione per un ambizioso progetto di crescita del territorio e dell’intera Sicilia occidentale» così afferma Vincenza Mione, dirigente scolastico dell’Istituto Tecnico Commerciale “Girolamo Caruso” di Alcamo, promotore dell’iniziativa.

Per chi volesse partecipare è necessario compilare il form digitale https://goo.gl/forms/zUO74PLugAUzFcF03 – L’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Girolamo Caruso” si trova in Via J.F. Kennedy n.2, ad Alcamo.

views:
223
ftf_open_type:
kia_subtitle:
La scuola apre le porte ad aziende, istituti scolastici, associazioni culturali e di categoria, ordini professionali, famiglie, enti di ricerca e enti locali del territorio, per fornire un’ampia...
MarsalaLive