Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

On. Lo Curto: “Meno donne nelle giunte e nei consigli comunali? Scelta irresponsabile del M5S”

Parità di genere. "Se non ci fossero state leggi come quelle che hanno introdotto il suffragio universale e in modo forzoso la presenza delle donne nelle istituzioni oggi la politica sarebbe..."

Palermo – “L’articolo che prevedeva la rappresentanza di almeno il 40% di genere nelle Giunte comunali è stato soppresso per deliberata volontà del Movimento Cinquestelle. Non si arrampichino sugli specchi i colleghi e le colleghe grilline per giustificarsi, poiché è oltremodo chiaro che le donne avranno meno possibilità di essere rappresentate negli Enti locali siciliani. E’ stato bocciato un articolo di giustizia e di vera democrazia politica per l’equilibrio dei generi nelle Giunte comunali. La legge esitata oggi è il nulla che forse sarà utile solo a qualche sindaco amico di qualche gruppo politico. C’è da chiedersi, invece, quali interessi siano prevalsi nella scelta della Raggi per la città di Roma alla luce degli arresti degli uomini del suo cerchio magico al soldo di consorterie malavitose. Ho usato, oggi in aula, la parola omofobia piuttosto che misoginia per un lapsus freudiano pensando alla doppiezza dei Cinquestelle che non si oppongono alle scelte del ministro Fontana di cui sono ben note le idee da medioevo con il loro silenzio assenso persino nella vicenda del patrocinio del governo Conte alla manifestazione di Verona”.

Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Ars che insiste sul “valore educativo delle leggi che servono a cambiare le condotte e i comportamenti. Se non ci fossero state leggi come quelle che hanno introdotto il suffragio universale e in modo forzoso la presenza delle donne nelle istituzioni – continua Lo Curto – oggi la politica sarebbe solo in mano agli uomini. La prima legge elettorale che ha introdotto l’alternanza di genere nel listino del Presidente della Regione e imposto il criterio della rappresentanza dei generi nelle liste provinciali porta la mia firma e quella di Giusi Savarino che nella legislatura 2001/2006 abbiamo lavorato con tutte le associazioni e a lungo dibattuto”.

views:
241
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Parità di genere. "Se non ci fossero state leggi come quelle che hanno introdotto il suffragio universale e in modo forzoso la presenza delle donne nelle istituzioni oggi la politica sarebbe..."
MarsalaLive