Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Luigi Sturzo-Asta di Marsala, progetto “La musica: opera buona, capitale per il futuro”

Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti - Istituto Comprensivo L. Sturzo (Asta), “La musica: Opera buona capitale per il futuro” della psicologa Antonella D’Angelo (Movimento Apostolico Ciechi)

Marsala – Il 4 giugno scorso presso l’Istituto Comprensivo Luigi Sturzo – Asta di Marsala diretto dalla Dirigente scolastica Maria Alda Restivo nell’ambito del saggio di fine anno si è assistiti alla realizzazione del progetto: “La musica: opera buona, capitale per il futuro”, che ha visto impegnati 15 alunni dell’Istituto appartenenti a classi di indirizzo musicale e una piccola band composta da soggetti non vedenti/ipovedenti dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti.

Si è trattato di un progetto psico-educativo presentato dalla dottoressa Antonella D’Angelo (Psicologa e componente del direttivo del Movimento Apostolico Ciechi) a Monsignor Domenico Mogavero nell’ambito della campagna dei fondi per la carità e volto alla sensibilizzazione sulla disabilità visiva. Afferma la dott.ssa D’Angelo “estremamente complesso è accostarsi e comprendere il mondo della disabilità, realtà così lontana e diversa da chi non la vive, spesso costellata da pregiudizi e falsi miti. Ancor più difficile è avvicinarsi a chi è affetto da disabilità visiva, qualunque ne sia la sua origine, congenita o sopraggiunta all’improvviso, in seguito a traumi e/o incidenti oppure sviluppatasi progressivamente come conseguenza di una malattia.

Tale condizione travolge l’esistenza di chi ne è colpito, coinvolgendo inevitabilmente, anche, l’intero suo nucleo familiare. Intaccherà la sua autonomia, tutte le capacità che gli sono indispensabili per l’adattamento alla vita quotidiana e che, in tale condizione, sono dipendenti da fattori esterni come il contesto e gli Altri. La qualità della vita, anche relazionale, dipenderà dalle caratteristiche della personalità e dalla modalità di gestione della disabilità da parte di chi ne è affetto, così come dal supporto ed atteggiamento assunto dal suo nucleo familiare (non iperprotettivo o poco stimolante), quanto dal contesto sociale, ossia, dalla capacità di contenimento ed accettazione della Comunità”.

Per cui, incontrare culturalmente e socialmente chi vive in condizioni diverse dalle nostre, scevri da preconcetti e timori apprendendo “altro”, richiede entrare nella realtà dell’Altro, rivivendone fin laddove è possibile la sua stessa condizione, liberandoci, appunto, dei pregiudizi che come affermava il filosofo francese Nicolas Malebranche «occupano una parte dello spirito e ne infettano tutto il resto».

Così, afferma, ancora, la dottoressa D’Angelo la scoperta della presenza nell’U.I.C.I. di una band ha fatto sorgere in me l’idea di unire l’amore per la musica e lo studio di essa, con lo scopo di favorire il diffondersi di una cultura dell’equità e dell’inclusione che dovrebbe riguardare, ogni forma di disabilità.

Tutto ciò perché l’essere non vedenti, non è avulso dal poter vivere serenamente e a pieno la propria vita coltivando anche un hobby. Così diretti magistralmente dal prof. Daniele Palmeri (docente di strumentazione chitarre) e con la collaborazione dei professori di strumentazione flauti, pianoforti e percussioni rispettivamente Luana Graffagnino, Rachele Burriesci e Antonino Errera alunni dell’Istituto e non vedenti/ipovedenti [Prof. Carmelo Fiscelli, Melchiorre Salerno e Lidia Di Giorgio (voce solista)] si sono esibiti in presenza dell’Arciprete della Chiesa Madre di Marsala Don Marco Renda dell’Assessore alle Politiche Sociali Clara Ruggieri, del Prof. Baiata (in rappresentanza del Sindaco), del Presidente dell’U.I.C.I. dott. Pietro Catalano, del Presidente del M.A.C. Antonio Struppa e del Lions, col suo rappresentante Filippo Marino, coinvolgendo emotivamente l’intera platea. Il disabile esiste nella sua condizione ed è parte integrante di una Comunità che deve poter godere della sua presenza perché portatore di un valore: il vivere la sua condizione in piena e assoluta accettazione.

views:
414
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti - Istituto Comprensivo L. Sturzo (Asta), “La musica: Opera buona capitale per il futuro” della psicologa Antonella D’Angelo (Movimento Apostolico Ciechi)
MarsalaLive