Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Crema e Cioccolato Inaugurazione Marsala

Contrasto all’emigrazione giovanile in Sicilia: atto di indirizzo del Consigliere Daniele Nuccio

"L'emigrazione dei giovani siciliani che lasciano la propria terra alla ricerca di un futuro possibile altrove risulta essere ancora oggi una delle drammatiche problematiche della nostra terra..."

Marsala – Con questo atto di indirizzo cogliamo l’occasione suggeritaci dalle ragazze ed i ragazzi di “Arci Scirocco” per schierare la Città di Marsala nella battaglia che tante altre realtà siciliane, associazioni ed enti locali stanno conducendo, aderendo alla campagna “Si resti arrinesci”.

L’emigrazione dei giovani siciliani che lasciano la propria terra alla ricerca di un futuro possibile altrove risulta essere ancora oggi una delle drammatiche problematiche della nostra terra. Perché se da un lato reputo di vitale importanza per le giovani generazioni poter arricchire il proprio bagaglio di esperienza al nord come all’estero e favorire percorsi di crescita personale e professionale, l’impegno della classe politica siciliana deve finalmente essere totalmente rivolto a che questa possa tornare ad essere per i nostri giovani una scelta e non una necessità.

L’inesorabile emorragia dei giovani che nella propria terra si sono visti negare opportunità sacrificate sull’altare del clientelismo e delle raccomandazioni deve oggi trovare un argine. Non possiamo permettere oltre tutto questo, abbandonandoci all’idea che il destino cinico e baro ha voluto produrre una Sicilia sempre più povera e più vecchia. Chiederò al Consiglio Comunale di esitare tale documento, che dal mio punto di vista contiene in sé un grande valore politico, già nella seduta del 23 ottobre e che una delegazione della massima assise cittadina possa prendere parte alla manifestazione che si terrà a Palermo giorno 25 ottobre.

Daniele Nuccio
Consigliere Comunale Marsala


Marsala, 18/10/2019

Oggetto: Atto di indirizzo – Contrasto all’emigrazione giovanile in Sicilia. 

Premesso

– che il fenomeno dell’emigrazione giovanile in Sicilia è sempre più diffuso e ha assunto caratteri drammatici.

–  che dal 2002 al 2017 sono andati via 500.000 siciliani.

– che le condizioni economiche della nostra isola non danno la possibilità a migliaia di giovani di restare e costruire qui il proprio futuro.

– che il tasso di disoccupazione in Sicilia è al 22% e quello giovanile al 53%.

– che la Sicilia ha un vitale bisogno di politiche che facciano crescere i tassi di occupazione attraverso il rilancio di settori storicamente fondamentali per l’economia siciliana come l’agricoltura, la pesca, l’artigianato.

– che le produzioni locali andrebbero difese dall’estensione pervasiva della grande distribuzione.

– che è fondamentale battersi per ottenere una diversa ripartizione dei finanziamenti statali alle università e sarebbe necessario un piano straordinario di finanziamenti per l’università pubblica in Sicilia da utilizzare in servizi, borse di studio, didattica e ricerca.

– che, mentre in Sicilia il tasso di dispersione scolastica cresce e la percentuale di tempo pieno non regge il confronto con gli studenti del Nord (9,7% in Sicilia, 57% in Piemonte), 8.000 docenti siciliane/i, in seguito alla legge 107, sono stati costrette/i a emigrare per insegnare nelle regioni del Nord.

– che, mentre molti siciliani sono costretti a curarsi al Nord, trasferendo risorse dalla sanità siciliana a quella delle regioni del Nord, il sistema sanitario regionale siciliano non riesce a trattenere i medici specializzati e vengono chiuse strutture in tutta la regione.

Considerato

– che si sta assistendo ad un rinnovato desiderio dei giovani siciliani a volersi battere per restare nella propria terra e qui progettare il proprio futuro.

– che una manifestazione significativa di questo rinnovato impegno giovanile si è consolidato nel Movimento della valigia di cartone, lanciato a Palermo da padre Garau e che, attraverso fiaccolate silenziose ha attraversato tanti luoghi della Sicilia sensibilizzando sul tema dell’emigrazione giovanile e impegnando autorità politiche e religiose.

– Che di recente è stata lanciata da molti giovani siciliani la Campagna di informazione e mobilitazione “Si resti arrinesci” che intende contrastare il fenomeno dell’emigrazione giovanile siciliana.

– Che una prima partecipata assemblea regionale, che ha visto la partecipazione di giovani provenienti da tante località dell’isola, si è svolta a Palermo sabato 4 ottobre presso la Facoltà di Scienze politiche a Palermo.

– che nell’assemblea del 4 ottobre è emersa la necessità di una prima grande mobilitazione che si svolgerà a Palermo venerdì 25 ottobre.

Il Sindaco e la Giunta Municipale di Marsala

– sostengono la Campagna “Si resti arrinesci”, facendone proprie le preoccupazioni e la necessità di mobilitare la popolazione siciliana per contrastare l’esodo di giovani cui si sta assistendo da parecchi anni ormai.

– si impegnano a mettere in campo tutte le iniziative utili a contrastare l’emigrazione giovanile siciliana, anche destinando risorse che possano rilanciare l’economia e l’occupazione, con particolare riguardo alle fasce giovanili.

– Manifestano la volontà di attivare un processo di partecipazione che faciliti il protagonismo politico dei giovani siciliani e la possibilità di costruire progettualità capaci di offrire un futuro alla propria terra.

– Aderiscono alla manifestazione del 25 ottobre a Palermo. 

I Consiglieri Comunali

Daniele Nuccio

………………..

……………………..

………………….

views:
230
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
"L'emigrazione dei giovani siciliani che lasciano la propria terra alla ricerca di un futuro possibile altrove risulta essere ancora oggi una delle drammatiche problematiche della nostra terra..."
MarsalaLive