Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Le proposte di OSA per il futuro dell’assistenza domiciliare integrata

La Cooperativa, da 35 anni principale player italiano nel campo dell’ADI, promuove un convegno sugli sviluppi futuri del settore. Appuntamento mercoledì 18 dicembre. A confronto esperti del mondo sanitario e istituzionale

Palermo – “Ricerca, modelli e cure. Le proposte di OSA per il futuro dell’Assistenza Domiciliare Integrata” è il titolo del convegno promosso dalla Cooperativa OSA, in collaborazione con la Fondazione Ebri – Istituto Rita Levi Montalcini (European Brain Research Institute), che avrà luogo mercoledì 18 Dicembre 2019 a Palermo, presso la Sala Mattarella di Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea Regionale Siciliana. Per tutta la giornata, esperti e personalità di spicco del mondo sanitario si confronteranno sulle tematiche e sugli sviluppi futuri che riguardano l’Assistenza Domiciliare Integrata, settore in cui la Cooperativa OSA rappresenta da 35 anni il principale player della sanità italiana.

I lavori si apriranno con i saluti dei numerosi rappresentanti delle istituzioni presenti, tra cui il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Micciché, l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, la presidente della Commissione ARS alla Sanità, Margherita La Rocca Ruvolo, la presidente della Commissione ARS Territorio, Ambiente e Mobilità, Giusi Savarino e il presidente di OSA, Giuseppe Milanese. Ad avviare la sessione mattutina del convegno sarà invece l’intervento del prof. Paolo Calissano, presidente della Fondazione Ebri, istituto di ricerca scientifica fondato da Rita Levi Montalcini, che proprio lo scorso 25 novembre ha comunicato la scoperta dell’Anticorpo A13, molecola in grado di rallentare lo sviluppo dell’Alzheimer.

Nel corso dell’evento saranno presentati i progetti che OSA intende portare avanti in ambito sociosanitario e assistenziale. La dottoressa Amalia Allocca della direzione programmazione di OSA presenterà alla platea il suo piano futuro sulla nuova assistenza domiciliare e il progetto speciale “L’anziano partecipe”, mentre il direttore sanitario della cooperativa, Francesco Giuffrida, ripercorrerà la storia ultratrentennale di OSA, nata a Roma nel 1985 e diventata oggi una realtà capace di assistere oltre 40mila persone in Italia.

Tra gli interventi previsti durante la sessione mattutina anche quelli sulla formazione degli operatori e sulla riabilitazione cardio-respiratoria che saranno illustrati rispettivamente dal responsabile sanitario OSA Palermo, Floriana Crivello, e da Isabella Padula, fisioterapista della Cooperativa.

I lavori del pomeriggio si apriranno con la tavola rotonda dal titolo “ADI e Province: una sfida quotidiana”. Partecipano al dibattito, tra gli altri, il direttore della U.O.C programmazione ed organizzazione delle attività di cure primarie Asp Palermo, Francesco Cerrito, il direttore Asp di Palermo, Daniela Faraoni, il direttore Asp di Trapani, Fabio Damiani, il direttore Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra, il direttore sanitario Asp Agrigento, Gaetano Mancuso, il direttore commerciale di OSA, Mario Sanfilippo e il presidente della Cooperativa, Giuseppe Milanese.

A seguire sono previsti nuovi interventi che analizzeranno gli sviluppi dell’assistenza domiciliare integrata e della sanità in Sicilia. Prima della conclusione della giornata è previsto, compatibilmente con i suoi impegni istituzionali, il saluto del presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci. Il convegno sarà moderato da Giuseppe Di Frischia, giornalista del Corriere della Sera.

OSA, da 35 anni al servizio della salute

La Cooperativa sociale e di lavoro OSA – Operatori Sanitari Associati – nasce a Roma, nel 1985, per volontà di un gruppo di giovani medici, psicologi e assistenti sociali. Ha iniziato la propria attività offrendo cure domiciliari alle persone affette da HIV nelle periferie romane e nel corso degli anni ha saputo sviluppare modelli organizzativi e operativi capaci di offrire ad anziani, persone non autosufficienti o con particolari patologie, elevati standard qualitativi nell’ambito dell’assistenza primaria grazie all’integrazione di diversi professionisti sanitari. In 35 anni, OSA ha intrapreso un percorso di crescita continuo che ha portato la Cooperativa ad affermarsi come uno dei principali player del panorama sanitario italiano. Una storia in costante evoluzione, con una compagine sociale sempre più grande, professionale, innovativa e multietnica, in grado però di custodire lo spirito originario: quello di mettere sempre al centro il benessere e la salute degli assistiti.

proposte OSA per futuro assistenza domiciliare integrata (2)

proposte OSA per futuro assistenza domiciliare integrata (1)

views:
385
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
La Cooperativa, da 35 anni principale player italiano nel campo dell’ADI, promuove un convegno sugli sviluppi futuri del settore. Appuntamento mercoledì 18 dicembre. A confronto esperti del mondo sanitario e istituzionale
MarsalaLive