Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Dopo otto anni, cinque medici a processo per la morte di Maria Vita Curatolo

Maria Vita la conoscevano in tanti, godeva di stima e affetto. Si conosce sua madre "Chela", nota insegnante di francese, amici e conoscenti, suo marito Giovanni Inguì, fratello di Salvatore...

Marsala – Si è appreso del rinvio a giudizio di cinque medici di strutture palermitane, con l’accusa d’imperizia, negligenza, imprudenza, dopo otto anni, OTTO, per la morte di Maria Vita Curatolo. Maria Vita la conoscevano in tanti, godeva di stima e affetto. Si conosce sua madre “Chela”, nota insegnante di francese, amici e conoscenti, suo marito Giovanni Inguì, fratello di Salvatore ed Elvira impegnati nel sociale.

Si conosce la sua migliore amica Carla, i due bambini che in questi otto lunghi anni sono cresciuti con una rete di protezione meravigliosa, costruita soprattutto dagli uomini e le donne menzionate. Molti altri avranno contribuito alla composizione della rete protettiva, perché Maria Vita era una donna incantevole, non  lesinava mai un sorriso, ulteriore conferma della sua bontà si ebbe in occasione dei suoi funerali, chiesa Madre non era strapiena, di più, il dolore era palpabile, si respirava, senza retorica.

L’undici giugno inizierà il processo, si ha il timore fondato che la vicenda verrà prescritta, non trattandosi di presunto reato “volontario”, ma di omicidio colposo. Se ciò accadesse, in primis Maria Vita, poi Giovanni e i bimbi, Chela, Salvatore, Elvira, la suocera, Carla, gli altri amici, non avrebbero giustizia in qualsiasi caso. E ciò li tormenterebbe per tutta l’esistenza, aggiungendo dolore su dolore.

Perdonino familiari e amici se l’articolo dovesse suscitare ulteriore sconforto o si  abbraccino idealmente, tutto si è fatto per non dimenticarla e ricordarla.

Vittorio Alfieri

“L’amore è più forte della morte”, alla Biblioteca di Marsala il libro di Chela Vinci

views:
1537
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
Maria Vita la conoscevano in tanti, godeva di stima e affetto. Si conosce sua madre "Chela", nota insegnante di francese, amici e conoscenti, suo marito Giovanni Inguì, fratello di Salvatore...
MarsalaLive