Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Giuseppe Conte: “Chiudiamo in tutta Italia ogni attività non strettamente necessaria”. Il video

"Dobbiamo resistere. Chiude ogni attività produttiva non cruciale fino al 3 aprile. Farmacie e alimentari resteranno aperti. E' la sfida più difficile dal dopoguerra. Uniti ce la faremo..."

Il presidente del Consiglio parla su Facebook dopo una giornata drammatica, segnata da dati molto negativi sul piano dei contagi e dei morti. Annuncia la nuova stretta: “Ma i servizi essenziali saranno garantiti”. E conclude: “Rallentiamo il motore del Paese ma non lo fermiamo”

Parla al termine di una giornata drammatica, dopo nuovi dati negativi sui contagi e sui decessi. E dopo un pressing arrivato da Regioni, sindacati e dall’opposizione per una ulteriore stretta del Governo. Nuove misure contro il Coronavirus: “Questa è la sfida più difficile dal dopoguerra. Chiuderemo tutte le attività produttive non cruciali. Ma resteranno aperti supermercati, alimentari, farmacie e parafarmacie. E i servizi essenziali saranno garantiti”.

“Lo Stato c’è, il governo interverrà con misure straordinarie che ci consentiranno di rialzare la testa. Rallentiamo il motore dell’Italia ma non lo fermiamo. Rallentiamo il motore produttivo del paese ma non lo fermiamo. Non è una decisione facile, ma si rende necessaria oggi per poter contenere quanto più possibile la diffusione dell’epidemia”. Il premier Conte in apertura del suo discorso ha parlato di misure severe ma necessarie: “Dobbiamo resistere”.

Prima aveva incontrato le forze sociali (sindacati e piccole imprese hanno chiesto lo stop di tutte le attività industriali non strategiche). Poi ha visto i capi delle delegazioni dei partiti al governo. Qualche ora prima del discorso di Conte, i governatori della Lombardia e del Piemonte avevano firmato ordinanze per una stretta.

 https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/videos/494491144817717/

Media

views:
1258
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
"Dobbiamo resistere. Chiude ogni attività produttiva non cruciale fino al 3 aprile. Farmacie e alimentari resteranno aperti. E' la sfida più difficile dal dopoguerra. Uniti ce la faremo..."
MarsalaLive