Non Tanto Positivid - Tikke e Due Cabaret

Lungomare Florio, riqualificazione ambientale: presentato il progetto per completare il Waterfront

Un investimento complessivo di 2 milioni e 900 mila euro. Il bando “Recupero Waterfront”, cui partecipa Marsala, ha una dotazione finanziaria complessiva di 140 milioni di euro...

Marsala – Dalla Regione, malgrado i solleciti, non giunge ancora il via libera per iniziare a Marsala i lavori del primo progetto sul Waterfront, già finanziato nel 2018 con oltre 1 milione e 200 mila euro.

Nell’attesa dell’ultimo parere tecnico (riguarda la procedura di valutazione ambientale VAS), l’Amministrazione comunale ha ora presentato il progetto per il completamento della riqualificazione dell’area di colmata adiacente al Porto. Il tratto interessato è di quasi 12 mila mq, estendendosi dallo storico Molo Florio (subito dopo il Porticciolo turistico) fino all’altro in prossimità della Villa Ingham.

“La valenza del contesto paesaggistico cozza con il degrado in cui versa attualmente quel sito – sottolinea il sindaco -. Porremo fine allo stato di abbandono di questo storico tratto di litoranea, rendendolo un luogo di aggregazione grazie ad arredi e verde che ne faranno riscoprire la bellezza”.

Il miglioramento del tratto del Lungomare Florio avverrà con la realizzazione di opere – per un investimento complessivo di 2 milioni e 900 mila euro – che saranno integrate in un paesaggio di notevole valore antropico e naturalistico.

In particolare, l’area verrà bonificata attraverso la formazione di un parco urbano in cui le tracce del passato saranno rappresentate dai moli storici (il restauro è previsto nel primo progetto). In più, si doterà la città di un ulteriore spazio per attività di uso collettivo, dedicati allo spettacolo, alle esposizioni temporanee, al gioco dei bambini, allo sport, al relax…

Previsti anche una pista ciclabile e un percorso pedonale; mentre la sistemazione del verde avverrà con la piantumazione di specie autoctone e conformi all’ambiente costiero.Interessante, inoltre, la parte di parco dedicata alla fruizione del mare, cui si accederà da una costruzione in legno smontabile comprendente anche un bar/direzione, servizi igienici ed un’ampia terrazza coperta, Si tratta di una costruzione sopraelevata rispetto al suolo, raggiungibile da una rampa accessibile ai disabili.

Il progetto redatto dall’arch. Pietro Di Maria, infine, prevede la messa in sicurezza del tratto di strada dopo la Villa Ingham, da sempre soggetto ad erosione. Per il completamento di questa nuova opera, l’Amministrazione Di Girolamo intende attingere a fondi del Programma di Azione e Coesione (PAC 2014-2020), finalizzato a garantire uno sviluppo competitivo dei territori delle regioni meno sviluppate del Mezzogiorno.

Il bando “Recupero Waterfront”, cui partecipa Marsala, ha una dotazione finanziaria complessiva di 140 milioni di euro.

views:
423
MarsalaLive