Sindaco - Di Girolamo

Comunità per anziani, regole antiCovid non rispettate: denunciato titolare di 2 strutture trapanesi

Due comunità alloggio per anziani - ubicate in provincia di Trapani, svolti in collaborazione con i Carabinieri di Marsala - è stato deferito alla Procura della Repubblica il legale responsabile delle strutture...

I NAS Carabinieri nell’ultimo fine settimana hanno ispezionato 265 strutture e centri dedicati all’accoglienza e all’assistenza di anziani, individuandone 51 con irregolarità, pari al 19% degli obiettivi, selezionati sulla base di una pianificazione preventiva sul territorio e da segnalazioni pervenute da cittadini.

Nel corso della vigilanza sono state rilevate situazioni penalmente rilevanti che hanno determinato il deferimento all’Autorità giudiziaria di 14 persone addette al settore, in particolare gestori delle strutture e operatori, accertando episodi di mancata assistenza e abbandono di anziani, specie non autosufficienti.

Ulteriori infrazioni penali hanno riguardato l’esercizio abusivo della professione sanitaria, l’uso di falsi titoli professionali di infermiere ed operatore socio-assistenziale nonché la presenza di personale privo di adeguata preparazione professionale.

Una parte ulteriore di contestazioni interessa violazioni amministrative relative ad inadeguatezze strutturali, gestionali ed autorizzative, quali la presenza di un numero superiore di anziani rispetto al limite previsto e l’uso di spazi e stanze inferiori a quelle minime previste. Il monitoraggio è stato elaborato dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, d’intesa con il Ministero della Salute, in concomitanza con il periodo di maggiore intensità vacanziera della stagione estiva, quando si registra un aumento della presenza di anziani nei centri di ricovero, con potenziale rischio di diminuzione del livello di erogazione dei servizi e situazioni di abbandono.

Fra gli interenti ce ne sono alcuni effettuati anche in Sicilia in particolare nel trapanese dove a conclusione di accertamenti del NAS di Palermo su due comunità alloggio per anziani ubicate in provincia di Trapani, svolti in collaborazione con i Carabinieri di Marsala, è stato deferito alla Procura della Repubblica il legale responsabile delle strutture, per aver omesso di predisporre il documento relativo alla valutazione dei rischi (DVR) all’interno dei luoghi di lavoro e omesso di comunicare all’autorità di P.S. gli ospiti delle rispettive strutture, determinando un pregiudizio per la salute di ospiti ed operatori in relazione alla diffusione del contagio da covid19. Il medesimo titolare sarà inoltre segnalato all’Autorità amministrativa per l’abusivo ampliamento della capacità ricettiva di entrambe le strutture.

In un’altra operazione i Carabinieri del NAS di Palermo, insieme ai militari della Compagnia CC di Alcamo (TP), hanno proceduto, nel mese di agosto, all’ispezione, di notte, di una discoteca della zona accertando l’inosservanza delle norme di contenimento per la diffusione del virus Covid19, dovuto al mancato utilizzo da parte dei circa 700 utenti delle mascherine filtranti di protezione e all’inosservanza da parte degli stessi del distanziamento sociale con condizione di assembramento. Al termine degli accertamenti è stata disposta la sospensione immediata dell’attività di discoteca per 5 giorni, con comunicazione alla competente Prefettura di Trapani. Durante il servizio è stata accertata, inoltre, l’attivazione abusiva di un deposito alimenti di pertinenza dell’attività. Il valore commerciale dell’attività sospesa si attesta a un milione di euro.

views:
1160
MarsalaLive