Sindaco - Dugo

Marsala 2020, “Riva Destra prende le distanze da movimenti e alleanze ‘plurali'”

Il movimento politico federato a Fratelli d’Italia: "Queste voci, a noi rappresentanti, destano tanta preoccupazione. Riva Destra ha sempre sostenuto che gli assembramenti di liste civiche..."

Riceviamo e pubblichiamo

Si apprende da organi di stampa locale, che in occasione delle prossime elezioni amministrative, che si terranno a Marsala il 4 e 5 ottobre 2020, il centro destra dovrebbe sostenere la candidatura a primo cittadino di Massimo Grillo, in una pseudo coalizione composta da liste civiche dove saranno candidati numerosi rappresentanti di movimenti e battitori liberi, che nel passato, hanno spaziato da sinistra a destra, seguendo la direzione del “vento elettorale”.

Queste voci, a noi rappresentanti regionali e provinciali di Riva Destra (Movimento Politico federato a Fratelli d’Italia), destano tanta preoccupazione. Riva Destra ha sempre sostenuto che gli assembramenti di liste civiche non esprimono mai una politica definita, gli elettori non sono messi nelle condizioni di scegliere bene e gli allargamenti incondizionati poco convincenti, ammesso che riescano a vincere, non potranno mai amministrare come si merita, a causa dei “navigatori” che seguendo la direzione del vento, creano notevoli problemi alle possibili maggioranze.

Considerando che il Presidente di Fratelli d’Italia, On. Giorgia Meloni, ha lavorato e ottenuto dagli alleati di Lega e Forza Italia la firma di un patto vincolante (patto anti-inciucio), impegnandosi a non dare corso a qualsiasi accordo con partecipazione diretta o esterna ad altre forze politiche oltre quelle che hanno sottoscritto il documento, che Forza Italia a Marsala, travestita da lista civica, tramite un suo autorevole esponente ha messo veto all’entrata nella coalizione della Lega, che Fratelli d’Italia tramite i vertici provinciali sta inserendo propri candidati in un’altra lista civica insieme ad esponenti del Partito Socialista e sponsorizzata da ex Senatore del PD, la comunità militante siciliana di Riva Destra si chiede se la provincia di Trapani è esente da questo accordo e prende le distanze da qualsiasi alleanza con movimenti e liste civiche composte da esponenti che non hanno una ben definita posizione politica o addirittura militano in partiti e movimenti riconducibili alla sinistra.

Marsala è la quinta città siciliana per popolazione e sicuramente merita un progetto politico ben definito, che sappia catalizzare il consenso di tutte quelle persone che sino ad oggi non hanno avuto valide alternative o che addirittura si sono astenute dal voto, stanche di quella pseudo politica fatta da liste civiche senza reali progetti, con l’obiettivo di poter restituire fiducia all’elettorato, lustro al territorio e la giusta dignità ad una comunità come quella marsalese.

A tal proposito, auspichiamo che i vertici provinciali e regionali di tutto il centro destra convochino al più presto un incontro per definire i punti programmatici e delineare il perimetro di un serio programma amministrativo, evitando di dar vita a scenari e travestimenti che non appartengono ai valori di quella destra che oggi Riva Destra e Fratelli d’Italia rappresentano nel panorama politico nazionale.

Massimo Romagnolo (Coordinatore Regionale Riva Destra Sicilia); Angelo Tigri (Vice Coordinatore Regionale Riva Destra Sicilia); Nicola D’Aguanno (Commissario Provinciale Riva Destra Trapani)

views:
348
MarsalaLive