Sindaco - Grillo

Coronavirus: in Sicilia 54 nuovi contagi e aumentano i ricoveri, in Italia 1.397 contagi e 10 morti

Attualmente ci sono in Sicilia 1.252 positivi di cui 51 ricoverati in ospedale (+5), 12 in terapia intensiva e 1159 in isolamento domiciliare, per un totale di 4487 casi dall'inizio dell'epidemia...

Coronavirus in Sicilia: 54 nuovi contagi ma aumentano i ricoveri

Sono 53 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia nelle ultime 24 ore: 20 in meno rispetto alla giornata di ieri. È quanto riporta il bollettino del ministero della Salute. Attualmente ci sono 1.252 positivi di cui 51 ricoverati in ospedale (+5), 12 in terapia intensiva e 1159 in isolamento domiciliare, per un totale di 4487 casi dall’inizio dell’epidemia. I guariti salgono a 2.947 (+28). Sono invece 288 le vittime accertate. I tamponi eseguiti sono 3477. Nelle province 2 sono i nuovi positivi a Caltanissetta, 4 a Catania, 2 a Messina, 19 Palermo, 5 a Ragusa, 3 a Agrigento e 19 a Trapani.

Coronavirus in Italia: 1.397 contagi e 10 decessi. Calano i tamponi. Crescono i ricoverati in terapia intensiva

Nessuna regione a zero contagi – Contagi ancora in crescita: più 1.397. Anche i decessi aumentano: più 10 nelle ultime 24 ore, mentre ieri erano 6. Sono i nuovi dati sul Coronavirus in Italia diramati dal Ministero della Salute. I casi totali salgono a 272.912 mentre i morti a 35.507. Eseguiti però meno tamponi: 92.790, circa 10mila in meno rispetto al picco record di ieri. Nuovo balzo del numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva: sono aumentati di 11 in 24 ore, portando il totale a 120. Aumenta però anche il numero dei guariti o dimessi: +289 (ieri +257) per un totale di 208.490. Non c’è nessuna regione a zero contagi. Il Molise, che ieri vantava zero casi di nuova positività, oggi ne conta due. Fra le più colpite, la Lombardia con 228 positivi, seguita dalla Campania con 193 casi. In tripla cifra anche Lazio (154), Emilia-Romagna (118), Veneto (115) e Toscana (113).

“Stiamo investendo molto sul vaccino perché lo riteniamo la soluzione vera a cui l’Italia, l’Europa e tutti i Paesi del mondo stanno lavorando. Abbiamo costruito un’alleanza, in modo particolare con Germania, Francia e Olanda, per rafforzare la proposta europea in campo di vaccini e siamo convinti che tutti i tentativi che sta facendo il mondo scientifico possano, in un tempo che ci auguriamo sia il più breve possibile, portare dei risultati”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza a Scala (Salerno) dove sta partecipando alle celebrazioni in memoria del Beato Gerardo Sasso.

“Il contratto prevede che se le cose andranno bene, se ci sarà una validazione, i dati al momento sono incoraggianti, potremo avere le prime dosi già entro la fine dell’anno e poi ancora l’inizio dell’anno successivo. Dobbiamo insistere e continuare ad investire perché il vaccino è la soluzione vera al problema che abbiamo di fronte”. Ha aggiunto il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Questo è il contratto che è stato sottoscritto con Astrazeneca il vaccino di Oxford il cui vettore virale è fatto a Pomezia e il cui infialamento avverrà ad Anagni, quindi con un’Italia fortemente protagonista in questa sfida. Oggi è un candidato vaccino, quindi ci vuole grande prudenza”, ha sottolineato.

Sono tutti negativi i 1.000 tamponi effettuati in questi giorni tra il personale delle strutture ricettive della Costa Smeralda dopo i focolai registrati nella settimana di Ferragosto per effetto della movida. Nessun contagio nemmeno tra i medici, infermieri e pazienti del Mater Olbia, la clinica della Qatar Foundation chiusa dopo la positività di quattro persone, sospea anche l’attività del drive-in per i tamponi veloci. L’ospedale riaprirà nei prossimi giorni una volta completata la sanificazione. “Zero positivi, non esiste quindi un caso Costa Smeralda”, precisa commentando l’esito dei test Marcello Acciaro, coordinatore dell’Unità di crisi del nord Sardegna.

Gimbe, +30% ricoveri e +62% terapia intensiva – Un incremento del 37,9% dei nuovi casi di Covid-19, dei pazienti ricoverati (+30%) e di quelli in terapia intensiva (+62%). Sono i dati resi noti dal monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe nella settimana dal 26 agosto al 1 settembre, rispetto alla precedente. “Si tratta di segnali che vanno tutti nella direzione di una ripresa dell’epidemia nel nostro Paese, sia in termini epidemiologici che di manifestazioni cliniche, proprio alla vigilia del momento cruciale della riapertura delle scuole, non possono essere più tollerati comportamenti individuali irresponsabili”, spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. Nello specifico, i nuovi casi sono 9.015 contro i 6.538 della settimana precedente al monitoraggio e c’è un aumento del 52,2% dei casi attualmente positivi (7.040 contro i 4.625). Aumentano anche i pazienti ricoverati con sintomi (1.380 contro 1.058) e quelli in terapia intensiva (107 contro 66). Lieve incremento anche dei decessi (46 rispetto a 40). Secondo la Fondazione Gimbe, salgono a 26.754 i casi attualmente positivi, la metà dei quali tra Lombardia (26,5%), Lazio (12,3%) ed Emilia Romagba (11,4%). Secondo il monitoraggio, dal 21 luglio al 1 settembre, i nuovi casi settimanali sono balzati da 1408 a 9015; il rapporto positivi/casi testati dallo 0,8% al 2,3% e i pazienti ospedalizzati quasi raddoppiati. “Davanti a questi numeri in preoccupante e indiscutibile ascesa – dice Cartabellotta – non possono essere più tollerati comportamenti individuali irresponsabili, esempi scellerati di cattivi maestri, né tantomeno correnti antiscientiste e manifestazioni di piazza che, sotto il falso scudo della libertà, mettono a repentaglio la salute della popolazione. Accanto al richiamo alle Istituzioni affinché vigilino e sanzionino ogni forma di “attentato” alla salute pubblica – conclude – la Fondazione Gimbe rinnova alla popolazione l’invito a rispettare tutti i comportamenti raccomandati. Alle autorità sanitarie il compito di potenziare ulteriormente l’attività di testing, sorveglianza e comunicazione pubblica, oltre che accelerare la messa a punto di un piano adeguato per gestire la difficile “convivenza” tra coronavirus e influenza stagionale”.

views:
339
MarsalaLive