Consiglieri della Consulta Giovanile Regionale per gli studenti siciliani fuorisede

La legge che prevede l’erogazione del suddetto contributo, ovvero la L.R. n.9 del 12 maggio del 2020, nasce con l’intento di sostenere le famiglie degli studenti siciliani che a seguito della pandemia da Covid-19...

Come consiglieri della Consulta Giovanile Regionale eletti per la provincia di Trapani, a seguito di diverse segnalazioni giunteci da molti giovani, abbiamo deciso di indirizzare una lettera alle istituzioni regionali per chiedere spiegazioni, nonché per sollecitare, l’erogazione del contributo straordinario “una tantum” di 500 euro rivolto agli studenti siciliani fuorisede iscritti ad atenei siciliani e aventi regolare contratto di affitto.

La legge che prevede l’erogazione del suddetto contributo, ovvero la L.R. n.9 del 12 maggio del 2020, nasce con l’intento di sostenere le famiglie degli studenti siciliani che a seguito della pandemia da Covid-19 hanno vissuto non poche difficoltà economiche. Tuttavia, nonostante sono passati ben più di 4 mesi dall’approvazione in ARS della legge, le famiglie ancora attendono.

“Vogliamo intanto ringraziare tutti i nostri colleghi consiglieri regionali delle altre province, che hanno sottoscritto questa lettera dimostrando una grande sensibilità nei confronti della tematica trattata. Non è infatti ammissibile che dopo più di 4 mesi dalla votazione della legge regionale non si veda neppure l’ombra di questi contributi. Le famiglie stanno risentendo gravemente gli effetti economici della pandemia, ci auguriamo che al più presto possano ricevere questo piccolo, ma non indifferente sostegno economico”. – conclude Emanuele Cusumano consigliere regionale della Provincia di Trapani e membro della Consulta Giovanile Comunale alcamese.

I consiglieri regionali eletti per la Provincia di Trapani
Emanuele Cusumano
Daniele Provenzano
Pietro Giangrasso
Giovanni Cusenza


Oggetto: Richiesta informazioni e sollecito attuazione – L.R. 12 maggio 2020 n.9 Art. 5 comma 22

I sottoscritti Consiglieri della Consulta Giovanile Regionale, in rappresentanza dei giovani siciliani, volendo dar voce agli studenti universitari della nostra Regione, a seguito di numerose sollecitazioni pervenute, espongono quanto segue:

– Premesso che la tematica del diritto allo studio universitario è da sempre tema di interesse e di attenzione da parte di quella politica che vuole guardare al futuro del nostro Paese;

– Considerato che in questi mesi, più che mai a seguito della Pandemia da Covid-19, molte famiglie e molti studenti hanno risentito della crisi economica che ne è conseguita;

– Vista l’attenzione mostrata da questo Governo e da questo Parlamento in sede di approvazione della Legge di Stabilità Regionale 2020-2022;

– Visto l’Art. 5 comma 22 della L.R. 12 maggio 2020, che nell’ambito del “Piano di ricostruzione economica” ha previsto l’utilizzo di Fondi Extraregionali e POC 2014-2020 per finanziare interventi a favore degli studenti universitari siciliani fuorisede iscritti in Atenei siciliani, che recita testualmente:

“Al fine di limitare i disagi per i nuclei familiari di provenienza e prevenire la dispersione, agli studenti siciliani iscritti a corsi per il conseguimento di laurea, master universitari e dottorati di ricerca presso università ed istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica con sede in Sicilia, è concesso un contributo straordinario ‘una tantum’, nella misura forfettaria di 500 euro per ciascuno studente. Accedono a domanda al contributo straordinario di cui al presente comma gli studenti conduttori o co-conduttori di unità immobiliari ad uso residenziale o in alloggio in residenze universitarie, fiscalmente a carico dei nuclei familiari di provenienza, individuati come fuori sede ai sensi dell’ articolo 4, comma 8, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001, con contratto di locazione regolarmente registrato o con contratto di alloggio alla data del 28 febbraio 2020, che non risultino fruitori alla stessa data di servizi abitativi erogati dagli ERSU. I benefici di cui al presente comma sono erogati per tramite degli enti regionali per il diritto allo studio fino a concorrenza delle risorse disponibili. Per le finalità di cui al presente comma è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro a valere sull’importo complessivo di cui al comma 16. Sono esclusi dal riconoscimento del contributo di cui al presente comma gli studenti universitari fiscalmente a carico dei nuclei di provenienza che rientrano nella massima fascia di reddito ai fini del calcolo delle tasse universitarie”.

Tutto ciò premesso SI CHIEDE Di conoscere le motivazioni che ad oggi hanno impedito l’erogazione del suddetto contributo “una tantum”, che, come in premessa espresso, rappresenta un concreto aiuto alle famiglie degli studenti universitari, SI CHIEDE INOLTRE di conoscere quali siano i tempi per l’attuazione dell’intervento suddetto.

Fiduciosi si resta in attesa di sollecito riscontro Cordiali Saluti

I Consiglieri della Consulta Giovanile Regionale
Emanuele Cusumano
Daniele Provenzano
Pietro Giangrasso
Giovanni Cusenza
Federico Guzzo
Maria Occhione
William Vallone
Giuseppe Di Gangi
Sofia Cimino
Gabriele Maimone
Simone Pintaudi
Mattia Di Prima
Sergio Francesco Cirrone
Giuseppe Chiapparo
Francesco Fina
Gabriele Saladino
Melania Zagara

views:
236
MarsalaLive