Amministrative 2020 in Sicilia: a Favignana Forgione, a Campobello Castiglione…

A Marsala vince Grillo. A Favignana la spunta l’ex presidente dell’Antimafia regionale, mentre a Campobello di Mazara è flop per l’ex pm Antonio Ingroia che esce sconfitto dalla sfida elettorale...

Exploit Massimo Grillo a Marsala, conferma per Maurizio Dipietro a Enna e ballottaggio ad Agrigento tra Franco Miccichè e Lillo Firetto. Questi i risultati delle Amministrative 2020 nei centri più grossi in cui si andava al voto.

Festeggia il centrodestra, che conquista Comuni importanti come Marsala, Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo e Ribera. L’asse M5s-Pd si consola con il successo a Termini Imerese, dove la coalizione che sostiene il governo Conte a Roma si è riproposta per la guida del Comune nella cittadina che fu della Fiat.

A Marsala Grillo diventa sindaco al primo turno, mentre nello schieramento del perdente Di Girolamo si segnala il buon risultato della lista Cento passi, che al momento viaggia sul 7,4%. A Favignana la spunta l’ex presidente dell’Antimafia regionale Francesco Forgione, mentre a Campobello di Mazara è flop per l’ex pm Antonio Ingroia che esce sconfitto dalla sfida elettorale con l’uscente Giuseppe Castiglione.

Nel Palermitano sorridono Giovì Monteleone, riconfermato sindaco di Carini, Gandolfo Librizzi a Polizzi Generosa e Gateano Di Chiara a Villabate. Nel catanese Pino Firrarello vince a Bronte, mentre il centrosinistra conquista alcuni Comuni come Pedara.

Nel Siracusano, invece, la battaglia di Augusta vede perdente la sindaca uscente Cettina Di Pietro. Saranno l’ex sindaco degli anni ’90 Pippo Gulino e l’ex consigliere comunale Giuseppe Di Mare a contendersi la poltrona di primo cittadino al ballottaggio.

views:
803
MarsalaLive