Che Banca - BANNER TOP

Il rispetto dell’informazione è alla base di un paese serio

I camion dell'esercito che trasportavano i morti fuori Bergamo, dopo la ripresa di un cittadino, chi l'ha raccontata, chi ha dato voce e vista di quello che stava accadendo?

Adesso basta, tutto ha un limite. Nella fattispecie riguarda alcuni media, nella componente che fornisce un servizio: l’informazione.

Nel periodo del Coronavirus, gli operatori del settore sembrano i portatori del virus, hanno scatenato la pandemia, addirittura per allearsi con le case farmaceutiche, propagano di qui a breve la necessità di un vaccino. Il complotto perfetto, ordito da certi media, aziende farmaceutiche e il Soros di turno.

Marcello Giannini, forse il più famoso, della Stampa, Rosaria Coppola di Salernotoday o Marco Conti di Amiantanews. Addirittura c’è chi è morto, l’egiziano Mohamed Mounir nella stessa prigione in cui è detenuto Patrick Zaki.

Insomma la pandemia come moderno piano Kalergi, per distruggere la popolazione del mondo occidentale o nella migliore delle ipotesi, costringerla a vaccinarsi, tutto con la complicità dell’informazione.

Riguardo al ruolo informativo, tenendo in considerazione dei fruitori delle notizie la richiesta d’imparzialità, va precisata la differenza tra cronista e giornalista. Il primo riporta cronologicamente i fatti senza commentarli.

Il secondo racconta gli eventi, accompagnandoli da pareri. Perdonate, cosa c’è di più fazioso del proprio pensiero? La correttezza e l’imparzialità sono necessarie nella narrazione dei fatti. Per la critica, la valutazione, finanche il giudizio. Ogni lettore/ascoltatore, sceglierà, Libero, Il Foglio, Corriere della sera o Repubblica, la RAI, Mediaset o LA7.

I camion dell’esercito che trasportavano i morti fuori Bergamo, dopo la ripresa di un cittadino, chi l’ha raccontata, chi ha dato voce e vista di quello che stava accadendo?

Chi ha scritto, filmato e fotografato, l’assembramento da movida o l’arrivo dei malati da Sars-cov-2 al Paolo Borsellino? Chi ha dato visibilità agli operatori della sanità nell’epoca che viviamo? Chi?? Per cortesia, adesso basta!

L’informazione è cosa seria e merita certamente maggior rispetto.

Vittorio Alfieri

views:
349
MarsalaLive