Che Banca - BANNER TOP

Trasversale Sicula: la zona arancione ferma il cammino dei pellegrini. Stop a Licodia Eubea

I pellegrini, partiti il 4 ottobre da Mozia e in viaggio lungo l'Antica trasversale sicula, sono stati costretti ad abbandonare la tratta a causa delle restrizioni del Dpcm. Il cammino del 2020, si è dunque concluso...

Dopo 32 giorni, i viaggiatori costretti a fermarsi nei monti Iblei

Dopo avere percorso, in maniera libera, per circa 500 chilometri dell’antico sentiero dell’Antica trasversale sicula, i pellegrini hanno deposto zaini e scarponi.

L’arancione, di cui si è tinta la Sicilia, dopo il Dpcm, non ha lasciato alcuna possibilità ai camminatori di proseguire la tratta fino alla costa ragusana di Kamarina, da sempre tappa finale dell’itinerario.

Il cammino, iniziato il 4 ottobre a Mozia, si è interrotto dopo 32 giorni a Licodia Eubea sul versante nord-occidentale dei Monti Iblei.

Un percorso unico dall’inizio alla fine, quello di quest’anno. Gli appassionati della Trasversale, a causa del Covid, hanno intrapreso il cammino, in forma privata come un’avventura libera e lenta, tra notti in tenda e talvolta nuovi sentieri. Rifocillandosi in posti poco affollati e incuranti della stanchezza dello zaino in spalla si sono abbandonati ai paesaggi mozzafiato e ai mirabili resti archeologici ricchi di storia e mito che hanno forgiato il volto della Sicilia.

Dall’isola di San Pantaleo, immessi sul percorso della antica via del sale, hanno attraversato i siti di Segesta, di San Miceli, di Hippana, di Entella, della Rocca di Cerere, del lago di Pergusa, di Morgantina e di Palikè.

Sei le provincie attraversate: Trapani, Palermo, Agrigento, Caltanissetta, Enna, Catania, numerose le associazioni, gli enti di ricerca e istituzionali, i gruppi ambientali, i Club Unesco, i Cai, i Gal, che hanno dato la disponibilità a far fronte alle necessità dei camminatori.

“Il cammino del 2020 – afferma Giuseppe De Caro, presidente dell’Antica Trasversale sicula – si conclude in un periodo di difficoltà, che, oggi più che mai, mette tutti noi camminatori e siciliani davanti ad un bilancio tra passato e futuro tra ciò che abbiamo ottenuto e ciò che potremmo avere, ma soprattutto ci fa comprendere che solo unendo le nostre forze, la nostra speranza e la nostra fiducia, può esserci un futuro migliore”.

Per info inviare una mail all’indirizzo trasversalesicula@gmail.com.

*** LA STORIA ED IL TRACCIATO

L’evento s’inserisce in un progetto ben più ampio di recupero e di valorizzazione socio-economica di un antico tracciato individuato seguendo gli studi degli archeologi Biagio Pace (tra i fondatori, nello scorso secolo della scuola di Topografia Antica italiana e ordinario de «La Sapienza» Università di Roma) e Giovanni Uggeri (professore emerito della stessa Università) che hanno individuato un reticolo di Trasversali Sicule almeno del periodo greco che collegavano Camarina alle principali città greche, indigene e puniche della Sicilia orientale e occidentale. Il percorso è stato studiato e ritracciato tra il 2016 ed il 2017 da un gruppo di archeologi e appassionati camminatori che lo ha ripercorso, mappato e geo-referenziato grazie alla collaborazione con il LabGIS dell’Osservatorio Turistico Regionale Siciliano, individuando i principali punti d’interesse turistico.

Questo cammino è forse uno dei pochi al mondo che colleghi così tanti siti d’inestimabile valore: Camarina, Pantalica, Akrai, Palikè, Morgantina, il lago di Pergusa e la Rocca di Cerere, Entella, Hippana, Mokarta, Segesta e Mozia. Ma non solo: la Trasversale ha rivelato ai pionieri che l’hanno ripercorsa tutte le complessità dei suoi paesaggi e le molteplicità dei suoi dialetti, lingue e tradizioni culturali e produttive, quest’ultime magnificamente espresse nella varietà e qualità dei prodotti e della cucina locale.

views:
274
MarsalaLive