Che Banca - BANNER TOP

Torna a salire il numero dei contagi in Sicilia: i nuovi positivi sfiorano i 1.700

39 i decessi, che portano il totale a 971. Con i nuovi casi salgono a 30.756 gli attuali positivi con un incremento di 991. Di questi 1.732 sono i ricoverati, 7 in più rispetto a ieri: 1.505 in regime ordinario...

Torna a salire il numero dei contagi in Sicilia. Sono 1.698 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 10.774 tamponi effettuati; 39 i decessi, che portano il totale a 971. Con i nuovi casi salgono a 30.756 gli attuali positivi con un incremento di 991.

Di questi 1.732 sono i ricoverati, 7 in più rispetto a ieri: 1.505 in regime ordinario e 227 in terapia intensiva con un aumento di 3 ricoveri. In isolamento domiciliare sono 29.024. I guariti sono 668.

I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 543, Catania 456, Ragusa 214, Messina 184, Trapani 46, Siracusa 48, Agrigento 81, Caltanissetta 67, Enna 59.

A incidere positivamente sull’aumento dei controlli è lo screening a tappeto con i tamponi rapidi, promosso dalla Regione con il sistema dei drive in. Nelle giornate di sabato, domenica e lunedì sono stati effettuati complessivamente oltre 71 mila test su altrettanti cittadini che volontariamente hanno aderito alla campagna: 1.900 i positivi asintomatici (pari al 2,65 per cento) individuati nella tre giorni. L’iniziativa del governo Musumeci – la Sicilia è stata la prima Regione a dotarsi di tamponi rapidi acquistando un primo stock di due milioni di pezzi – è realizzata in collaborazione con Anci Sicilia e le amministrazioni locali. Decisivo anche il supporto della Protezione civile regionale, che in questi giorni ha messo in campo centinaia di volontari che hanno collaborato con il personale medico sanitario impiegato nella campagna di monitoraggio e nelle attività di assistenza alla popolazione.

Un’altra iniziativa promossa dall’assessorato regionale alla Salute riguarda la raccolta di plasma iperimmune per uso compassionevole da destinare al trattamento di pazienti affetti da Covid-19 attraverso otto centri trasfusionali dell’isola.

“Stiamo assistendo a una straordinaria partecipazione dei siciliani – dice il governatore Nello Musumeci -. È uno dei processi in atto per tentare di combattere questo nemico invisibile. Noi ci siamo mossi già in primavera aderendo al progetto nazionale e adesso allarghiamo ulteriormente la capacità di raccolta. Sinceramente non sono sorpreso dalla risposta dei cittadini perché, come sempre, quando necessario, la Sicilia è presente”.

Intanto si registra anche un nuovo focolaio scoppiato in una casa di riposo per anziani di Palermo, l’istituto Figlie della Misericordia e della Croce. Positivi ai test rapidi 33 dei 51 ospiti, 5 dei 21 operatori e 4 suore, quasi tutti asintomatici.

Nella struttura restano in servizio 8 operatori fra cui i cinque contagiati, e le tre suore infermiere. Tra gli ospiti anziani con diverse patologie, anche gravi, pure una nonnina di 102 anni.

views:
433
MarsalaLive