Proverbio del giorno

a cura di Alessandro Gagliano

 

Da Mmaculata a Santa Lucia quantu un passu di cuccia. Di Santa Lucia a Natale quantu un passu di cani. Di Natale all’annu novu quantu un passu d’omu.
(Dall’Immacolata a Santa Lucia quanto un passo di un chicco di grano, da Santa Lucia a Natale quanto un passo di cane, da Natale all’anno nuovo quanto un passo d’uomo) (Per dare l’idea di quanto si allunghino le giornate in dicembre)

Addhinucchiuni, cugghiennu cuttuni, essennu cu tia, cuttuni cugghia.
(Stando in ginocchio, raccoglievo il cotone, mentre ero con te, il cotone raccoglievo)

Un mi tuccari chi mi lassu.
(Detto per qualcosa che è in bilico, ma anche più riferito a persona debole fisicamente o caratterialmente)

Scàcciati u juncu chi passa ‘a china.
(Piegati giunco perché passa la piena)

Mamma, Ciccu mi tocca! Toccami Ciccu! Chi a mamma un c’è!
(Detto di persona che compie qualcosa con complicità e poi denuncia il complice per giustificarsi, la donna non è così santa come sembra)

O ti manci sta minestra o ti etti da finestra.
(O mangi questa minestra o ti butti dalla finestra)

Furmaggiu, pira e pani, unn’è cibu di viddrani.
(Formaggio, pere e pane non sono cibo di contadini)

S’arricchisci cu “bono bon’è”, s’impoverisci cu “chistu cchi è?”.
(Si arricchisce accontentandosi “buono com’è”, si impoverisce con la curiosità “questo cos’è?”)

La bona fimmina fa la casa, la pazza la sdirrubba.
(La donna buona fa la casa, la pazza la distrugge)

Quannu c’è broru assai, minuzza pani…Accussi si fannu li scialati boni.
(A tanto brodo aggiungi pane e ti sazierai)

Lu bon tempu si viri di prima matina.
(La buona giornata si vede dal mattino)

Cu pratica ‘u zoppu all’annu zuppia.
(Chi pratica lo zoppo dopo un anno zoppica)

Quannu pi tanta scarsizza di lazzu, quannu pi tanta funnizza di puzzu.
(Le difficoltà sono sempre tante, o per poche risorse o per molte richieste)

Cu avi, campa felice. Cu unn’avi, perdi l’amici.
(Chi possiede, vive felice. Chi non possiede, perde gli amici)

Guai e maccarruni si mangianu cauri.
(I guai si affrontano subito e i maccheroni si mangiano caldi)

Luntanu di vista, luntanu di cori.
(Lontano dagli occhi, lontano dal cuore)

A lu maniari la paletta si viri si ni ratta.
(Un buon artigiano che professa la sua bravura si vede quando usa gli strumenti di lavoro)

Dui cosi ‘un potti addrizzari ‘u Signori: cucuzzi longhi e testi di viddrani.
(Due cose non ha potuto raddrizzare il Creatore: le zucche lunghe e i campagnoli)

Cu po’ fari e n’un fa, campa scuntentu.
(Chi ha la possibilità di fare qualcosa e non fa, vive scontento)

Quantu fa lu sparagnare, fa cchiù d’u travagghiari.
(Alle volte il risparmio è più vantaggioso del lavoro)

Ammatula chi t’allisci e fai cannola, lu santu è di marmaru e un sura.
(E’ inutile allisciare, la statua è di marmo e quindi non suda)

Tutti i cunsigghi pìgghia, ma ‘u toe nun lu lassari.
(Ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea)

Quannu è annuvulatu a la marina pigghiti ‘u saccu, và e macina; quannu è annuvulatu a la montagna, pigghiti ‘a zappa, và e guadagna.
(Se arrivano le nuvole dal mare non andare al lavoro pioverà, se arrivano nubi dalla montagna vai tranquillo non pioverà)

Soccu ora si schifia veni ‘u tempu chi si addisia.
(Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato)

Si pi paura di corvi nun si simina linusa, nun putissimu aviri ‘a cammisa.
(Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo avere la camicia)

Quannu ‘u jardinu è siccu, s’abbivira.
(Quando il giardino è arido, si innaffia)

Cu prima nun pensa, all’ultimu suspira.
(Chi non pensa prima di agire, alla fine non gli resta che sospirare)

‘A vucca è quantu un’aneddru: si mangia turri, palazzu e casteddru.
(La bocca ha un piccolo diametro ma per golosità si può sprecare tutto ciò che possiedi)

L’addrina chi camina, s’arritira ca bozza china.
(Chi è operoso e si da da fare torna con un guadagno a casa)

‘O lupu vecchiu, un si insigna ‘a tana.
(A vecchio lupo non si insegna la tana)

Fari, a cu figghi e a cu figghiastri…
(Non trattare tutti allo stesso modo)

Si a ogni cani c’abbaia ci tiri ‘a petra un t’arrestunu viazza.
(Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno)

‘Uvenniri è di natura, comu agghiorna, accussì scura.
(Il venerdì è di natura, come fa giorno, così muore)

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
(Donna barbuta, neanche di lontano si saluta)

Non sputari ‘ncelu chi ‘facci ti toinna.
(Se sputi in cielo in faccia ti ritorna)

‘A casa capi quantu voli ‘u patruni.
(Anche se la casa è piccola, puoi ospitare chi vuoi)

I mura non hannu oricchi ma sentinu, non hannu vucca ma pallanu.
(I muri non hanno orecchi ma sentono, non hanno bocca ma parlano)

Dissi lu priuri a la badissa, senza dinari non si canta missa.
(Disse il priore alla madre badessa, senza soldi non si recita messa)

Nun mettiri puddricini ‘o suli.
(Non prendere iniziative avventate, si sa che i pulcini al sole possono morire)

Cui ti accarezza cchiù di quantu soli o t’ha ‘ngannatu o ngannari ti voli.
(di solito chi ti tratta meglio del solito o ti ha ingannato o ti vuole ingannare)

O ti manci sta minestra o ti etti da finestra.
(O mangi questa minestra o ti butti dalla finestra)

Disse lu surci a la nuci, “dammi tempu chi ti percio”.
(Disse il topo alla noce “dammi tempo che ti buco”)

Pani e vinu rinforza ‘u schino.
(Pane e vino rinforzano la schiena)

Simina ventu e ricogghi timpesta.
(Semina vento e raccoglie tempesta)

Nuddru si pigghia si ‘un si rassumigghia.
(Le persone si scelgono perchè si somigliano)

‘U gilusu mori curnutu.
(Il geloso muore cornuto)

Occhiu chi n’un viri, cori chi n’un doli.
(Occhio che non vede, cuore che non duole)

Cu paga prima, mangia pisci fitusu.
(Chi paga prima, mangia pesce marcio)

Cu bonu simina, megghiu arricogghi.
(Chi bene semina, meglio raccoglie)

Due sunno i putenti: cu avi assài e cu unn’avi nenti.
(Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente)

Criscinu l’anni e criscinu i malanni.
(Più passano gli anni, più aumentano i malanni)

Fimmina senza amuri è ciuri senza oduri.
(Donna senza amore è fiore senza profumo)

Chiddru chi fa p’i me denti nun fa p’i me parenti.
(Ciò che è utile per me non lo è per gli altri)

L’omu di mala cuscenza, comu opira accussì penza.
(L’uomo di cattiva coscienza, come agisce così pensa)

Cu l’amici e cu i parenti, ‘un ci accatari e vinniri nente.
(Con gli amici e con i parenti non comprare e non vendere niente)

Quannu ‘a furtuna vota, ogni amicu si fa ‘a ritirata.
(Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano)

Si arrobbi picca vai n’galera, si arrobbi assae fae carrera.
(A rubar poco si va in galera, a rubar tanto si fa carriera)

Assai vali e pocu costa, a malu parlari bona risposta.
(Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco)

Quanno ‘a lingua vole pallare, devi prima a lu core addumannare.
(Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore)

Ficu fatta, càrimi ‘mmucca.
(Fico maturo, cadimi in bocca – Si dice di chi vorrebbe evitare anche le fatiche minime)

Cu’ beddra voli apparire, tanti guai havi a patire.
(Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire)

Siddru ‘u beni un ritorna a mali un si chiama beni.
(Se il bene che facciamo non ci ritorna come male non si chiama bene)

Quannu ‘u piru è maturu cari sulu.
(Quando la pera é matura cade da sola – Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole)

Cu fa carteddri, ‘ni fà lai e ‘ni fà beddri.
(Chi fa cesti ne fa brutti e ne fa belli – Nelle cose che realizziamo non sempre raggiungiamo i migliori risultati)

Acqua, cunsigghiu e sali a cu ‘unn’addumanna ‘un ci nni dari.
(Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede)

Cu mancia fa muddrichi.
(Chi mangia fa briciole. Chi fa qualcosa inevitabilmente commette qualche errore)

Fa beni e scordatillo, fa mali e pensaci.
(Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci)

Diu fa l’abbunnanzia e ‘i ricchi la caristia.
(Dio fa l’abbondanza e i ricchi la carestia)

Nuddru si pigghia si ‘un si assimigghia.
(Le persone si scelgono perchè si somigliano)

Ogni cane è liune ‘a sò casa.
(Ogni cane nelle sua casa si sente un leone)

I guai da pignata i sapi ‘a cucchiara ch’i rimina.
(I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola)

Cu ‘un fa nenti ‘un sbaglia nenti.
(Solo chi non fa niente non commette errori)

‘A pignata taliata ‘un vugghi mae
(La pentola guardata non bolle mai. Quando una cosa si aspetta non arriva mai)

L’aceddru na aggia un canta p’amuri ma canta pi raggia.
(L’uccello in gabbia non canta per amore ma canta per rabbia)

Si ad ogni cani chi abbaia ci voi tirari ‘na petra, ‘un t’arrestanu viazza.
(Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno)

Attacca ‘u scecco dunni voli ‘u patruni.
(Lega l’asino dove vuole il padrone. Attieniti alle disposizioni di chi sta al di sopra di te)

Unn’è sempri chi riri a muggheri du latro.
(Non sempre alla moglie del ladro le cose vanno bene per cui ride)

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
(Il rispetto è misurato. Chi lo porta lo riceve)

views:
12267
ftf_open_type:
kia_subtitle:
a cura di Alessandro Gagliano
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive