13 C
Marsala
martedì, 5 Marzo 2024

Contattaci

Le “palore” dei marsalesi: “U cervo n’confronto a tia è tignuso”

Marsala – Il marsalese sa bene che una cosa sono le parole e un’altra cosa sono le “palore” (con la elle). Con le parole il cittadino lilibetano ha un rapporto esagerato: troppo poche (‘a megghiu parola è chiddra chi un si dice) o troppo assai.

Le “palore” sono invece vocaboli del tutto speciali e raggruppano gran parte del dizionario marsalese, sintetizzando con un unico termine, appunto, la portata dell’assalto verbale di cui il cittadino di Marsala è capace nei confronti del suo interlocutore. E l’offesa si misura in termini di “palore”. Il che vuol dire che un ragionamento non può mai essere aggressivo e non può offendere: “Ma picchì si sta comportanno na ‘sta manera? Non è chi ci risse palore!”.

Il ricorso a un termine sintetico ha sicuramente origini scolastiche. Non si poteva certo accusare all’insegnante, il compagno che aveva appena finito di dirti “figghiu di butt@na”, citando pari pari la frase spregiativa. Così si ricorreva a una sintesi: “Prefessù, Zichittella mi dice palore su mio padre e su mia madre”.

La “palora” viene spesso addirittura minacciata: “Salvatò, dicci a tò matre chi si un na finisce di ittare acqua ‘na strata, ci vaio e ci dico palore”. Lo sviluppo delle “palore” può raggiungere complessità che passa dal tragico al ridicolo. Nel settore “cornuti” troviamo: “U cervo n’confronto a tia è tignuso”; “Sei più cornuto di un camion di babbaluci”.

Nel settore “escrementi” emerge: “La differenza tra te e un tir di merda e che ‘u tir avi i rote e tu hai i scaippe”. Gli insulti che coinvolgono la discendenza sono irripetibili ma vale la pena sottolineare che, quasi sempre, riguardano le madri piuttosto che i padri e che tendono a sottolineare le qualità erotiche delle stesse.

Nel caso della madre (degli altri) si va giù pesante e le si attribuisce l’intero repertorio del Kamasutra. Nei confronti dei padri, invece, quasi mai viene messa in discussione l’identità sessuale. Insomma, difficilmente un padre è “arruso”. Verso i padri si punta alla mortificazione della sua condizione di capo famiglia, sia in termini di marito di “moglie butt@na” (bersaglio preferito), sia soprattutto in termini di capo del nucleo familiare. In questo caso gli vengono attribuiti i mestieri più infimi: viddrano, munnizzaro ecc… Ma poiché i tempi cambiano, nessuno oggi si sogna di dire al compagno di banco: “Tuo padre è un munnizzaro!”.

Difficilmente sentirete invece l’accusa “delinquente”. Dalle parti nostre è quasi un “mestiere” che si fa sotto la copertura di mille giustificazioni, della serie: “La colpa è della società”. Il che, ahimè, è molte volte non lontano dal vero.

Ma se le “palore” sono pietre, e in quanto tali sono piuttosto pesanti, spesso sono anche decisamente leggere. Andate a un anniversario di matrimonio e partecipate alla festa. Se alla fine sarà il momento del karaoke, la zia Terina romperà il ghiaccio, impugnerà il microfono (ingrassata quanto Platinette) e nel tripudio generale, imitando Mina, intonerà: “Palore, palore palore…”.

Senza palore, Enzo Amato

[td_block_7 image_align="center" meta_info_align="bottom" color_overlay="eyJ0eXBlIjoiZ3JhZGllbnQiLCJjb2xvcjEiOiJyZ2JhKDAsMCwwLDApIiwiY29sb3IyIjoicmdiYSgwLDAsMCwwLjcpIiwibWl4ZWRDb2xvcnMiOlt7ImNvbG9yIjoicmdiYSgwLDAsMCwwLjMpIiwicGVyY2VudGFnZSI6MzV9LHsiY29sb3IiOiJyZ2JhKDAsMCwwLDApIiwicGVyY2VudGFnZSI6NTB9XSwiY3NzIjoiYmFja2dyb3VuZDogLXdlYmtpdC1saW5lYXItZ3JhZGllbnQoMGRlZyxyZ2JhKDAsMCwwLDAuNykscmdiYSgwLDAsMCwwLjMpIDM1JSxyZ2JhKDAsMCwwLDApIDUwJSxyZ2JhKDAsMCwwLDApKTtiYWNrZ3JvdW5kOiBsaW5lYXItZ3JhZGllbnQoMGRlZyxyZ2JhKDAsMCwwLDAuNykscmdiYSgwLDAsMCwwLjMpIDM1JSxyZ2JhKDAsMCwwLDApIDUwJSxyZ2JhKDAsMCwwLDApKTsiLCJjc3NQYXJhbXMiOiIwZGVnLHJnYmEoMCwwLDAsMC43KSxyZ2JhKDAsMCwwLDAuMykgMzUlLHJnYmEoMCwwLDAsMCkgNTAlLHJnYmEoMCwwLDAsMCkifQ==" image_margin="0" modules_on_row="33.33333333%" columns="33.33333333%" meta_info_align1="image" limit="10" modules_category="above" show_author2="none" show_date2="none" show_review2="none" show_com2="none" show_excerpt2="none" show_excerpt1="none" show_com1="none" show_review1="none" show_date1="none" show_author1="none" meta_info_horiz1="content-horiz-center" modules_space1="eyJhbGwiOiIwIiwicGhvbmUiOiIzIn0=" columns_gap="eyJhbGwiOiI1IiwicG9ydHJhaXQiOiIzIiwibGFuZHNjYXBlIjoiNCIsInBob25lIjoiMCJ9" image_height1="eyJhbGwiOiIxMjAiLCJwaG9uZSI6IjExMCJ9" meta_padding1="eyJhbGwiOiIxNXB4IDEwcHgiLCJwb3J0cmFpdCI6IjEwcHggNXB4IiwibGFuZHNjYXBlIjoiMTJweCA4cHgifQ==" art_title1="eyJhbGwiOiIxMHB4IDAgMCAwIiwicG9ydHJhaXQiOiI2cHggMCAwIDAiLCJsYW5kc2NhcGUiOiI4cHggMCAwIDAifQ==" cat_bg="rgba(255,255,255,0)" cat_bg_hover="rgba(255,255,255,0)" title_txt="#ffffff" all_underline_color1="" f_title1_font_family="712" f_title1_font_line_height="1.2" f_title1_font_size="eyJhbGwiOiIxNSIsInBvcnRyYWl0IjoiMTEiLCJwaG9uZSI6IjE3In0=" f_title1_font_weight="500" f_title1_font_transform="" f_cat1_font_transform="uppercase" f_cat1_font_size="eyJhbGwiOiIxMSIsInBob25lIjoiMTMifQ==" f_cat1_font_weight="500" f_cat1_font_family="712" modules_category_padding1="0" category_id="" ajax_pagination="next_prev" f_more_font_family="" f_more_font_transform="" f_more_font_weight="" sort="" tdc_css="eyJhbGwiOnsiZGlzcGxheSI6IiJ9LCJwb3J0cmFpdCI6eyJkaXNwbGF5IjoiIn0sInBvcnRyYWl0X21heF93aWR0aCI6MTAxOCwicG9ydHJhaXRfbWluX3dpZHRoIjo3NjgsInBob25lIjp7Im1hcmdpbi1ib3R0b20iOiI0MCIsImRpc3BsYXkiOiIifSwicGhvbmVfbWF4X3dpZHRoIjo3Njd9" custom_title="ULTIME NOTIZIE" block_template_id="td_block_template_1" image_size="" cat_txt="#ffffff" border_color="#85c442" f_header_font_family="712" f_header_font_size="eyJhbGwiOiIxNyIsInBvcnRyYWl0IjoiMTUifQ==" f_header_font_transform="uppercase" f_header_font_weight="500" mix_type_h="color" mix_color_h="rgba(112,204,63,0.3)" pag_h_bg="#85c442" pag_h_border="#85c442" time_ago_add_txt=""]

ATTUALITà

OPINIONI

Scrivi a Marsala Live

GIRA VOTA E FIRRIA

società

Seguici su