Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Vittorio Alfieri: “Indignazione popolare, una storia tragica e bizzarra”

"Perché la nazione Italia non si indigna quando gli abitanti evadono 100 miliardi di euro di imposte? Quando c'è abusivismo edilizio? Quando c'è lavoro in nero? Quando c'è sosta selvaggia...?"

Marsala – Caro direttore, c’è indignazione nella nazione Italia per la scarcerazione del comandante della Sea Watch 3, Carola Rackete. Per capirne meglio il motivo mi hanno aiutato anche i nostri antenati, i latini. Nella lingua latina, per nazione (natio) si intende il luogo geografico dove si è nati.

Altro è il paese, dal latino “terra dei padri”: in questo significato etimologico i nostri padri sono scientificamente gli “ominidi”, i cui primi resti sono stati rinvenuti nel continente africano. Al netto delle disquisizioni linguistiche, che aiutano parecchio alla comprensione, torno alla ragione per cui le scrivo, l’indignazione da cui è pervasa la nazione Italia.

L’Italia è ritenuta paese democratico anche perché vige la separazione dei tre poteri fondamentali e fondanti della nostra Repubblica, ossia il potere legislativo, esecutivo e giudiziario. L’indignazione è rivolta al “potere giudiziario” che, in una sua declinazione, il GIP (giudice indagine preliminari) non ha convalidato l’arresto della comandante della Sea Watch 3 per la quale, invece, un’altra declinazione, il PM (pubblico ministero), ne aveva disposto l’arresto.

Successivamente, un’altra declinazione ancora, il GUP (giudice udienza preliminare), su richiesta del PM, deciderà se archiviare o rinviare a giudizio la comandante della Sea Watch 3. Figure/declinazioni quasi sempre diverse fisicamente, intese come persone, tranne in alcuni casi previsti dal nostro ordinamento giuridico, GIP e GUP sono la stessa persona.

Indignazione termine chiave per cui le scrivo. Perché la nazione Italia non si indigna quando gli abitanti evadono 100 miliardi di euro di imposte? Quando c’è abusivismo edilizio? Quando c’è lavoro in nero? Quando c’è sosta selvaggia? Quando non si pagano i mezzi pubblici? Quando c’è indifferenza verso le cose altrui? Quando non c’è uguaglianza? Quando c’è violenza? Quando è sempre colpa degli altri, mai nostra? Quando ci riteniamo superiori solo per avere avuto la “bravura” a nascere in Italia e non nello Sri Lanka? Ho citato solo dieci ragioni per indignarsi, ne esistono a iosa.

P.s. un conoscente ha affermato in un post che si vergogna di essere italiano, l’ho invitato a licenziarsi in quanto dipendente della pubblica amministrazione, che tra i requisiti per l’assunzione richiede la cittadinanza italiana o della UE. Oppure, chieda la cittadinanza alle nazioni di Visegrad, terminerà la “sua vergogna” e continueremo a pagarlo noi. Ma questa è un’altra storia…

Grazie dell’ospitalità.

Vittorio Alfieri

views:
646
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
"Perché la nazione Italia non si indigna quando gli abitanti evadono 100 miliardi di euro di imposte? Quando c'è abusivismo edilizio? Quando c'è lavoro in nero? Quando c'è sosta selvaggia...?"
MarsalaLive