Crema e Cioccolato Inaugurazione Marsala
Crema e Cioccolato Inaugurazione Marsala

Birgi, Salvatore Ombra: “Sono al lavoro nel tentativo di iniziare una nuova stagione”

"Sicuro di poter dare anche io un contributo affinché i nostri figli non siano costretti ad andarsene senza voltarsi indietro o a ricordare la Sicilia solo per lo 'scruscio del mare'. Potrò pure sbagliare..."

16 agosto 2019, DOVE ERAVAMO RIMASTI?

Tra gli indiscussi difetti che financo mia moglie mi riconosce c’è la testardaggine. Nel senso che quando mi prefiggo una meta, passerà del tempo, ma prima o poi con fatica, fasi alterne, tempeste e mareggiate, prima o poi la raggiungo. D’altro canto mio padre è stato tra i suoi trascorsi Capitano di lungo corso e ci ha educati alla perseveranza ed alla pazienza… nella certezza che le tempeste prima o poi passano sempre…

E nella vicenda che mi associa all’aeroporto di Trapani-Birgi non si può certo dire che mi sia arreso al primo ostacolo. Anche quando tutto era tangibilmente contro di me, quando sono stati costruiti muri di dissenso politico, quando sono stato relegato in un angolo buio – qualcuno pensava/sperava per sempre… – ,quando sono state tirate fuori pretestuose argomentazioni in quantità tale da fiaccare anche un toro… io non ho mai smesso di crederci…

Dall’esterno, nell’epoca dei perenni sospetti e della “fantapolitica”, la mia caparbietà ed il mio attaccamento sembreranno inverosimili ed irrazionali, a tal punto da poter destare dubbi.

Ma chi mi conosce bene ed ha lavorato al mio fianco, sa bene, invece, che l’unica spinta è stata e continua ad essere l’amore per il mio territorio e per questo aeroporto che ho visto e fatto crescere e che mi ha regalato infinite gioie e gratificazioni, e non di carattere economico, ma soddisfazioni VERE per chi come me vive di entusiasmo ed emozioni.

Quelle nate dall’avere seguito passo dopo passo e con assoluta correttezza e trasparenza – e non lo dico io ma i fatti – le varie fasi di ristrutturazioni dell’aerostazione.

Dall’avere intrattenuto sane relazioni commerciali con i nostri partners – prima fra tutti Ryanair – che avevano riposto in noi grande fiducia.

Dall’avere visto i check-in intasati di turisti entusiasti per avere avuto l’opportunità di scoprire la nostra provincia.

Dall’avere contribuito all’economia del territorio dando un input alla nostra principale risorsa, ovvero il turismo.

Ma ancora di più mi inorgoglisce e mi responsabilizza avere conquistato la fiducia di tanti che non hanno mai smesso in questi anni di riconoscermi il merito di essermi battuto senza esclusione di colpi per il rilancio e la difesa del nostro aeroporto.

E probabilmente è questo che neanche per un attimo ha assopito in me il desiderio di ricominciare a fare qualcosa senza mai lasciare spazio alla rassegnazione, alla stanchezza o ancora peggio all’indifferenza.

Ed oggi che mi ritrovo a raccogliere attestati di apprezzamento ho ancora una volta la granitica certezza di avere avuto ragione.

Tutto questo mi riempie di gioia, commozione ma mi fa sentire una grande responsabilità.

L’aeroporto di oggi non è esattamente quello che ho lasciato nel gennaio del 2012, e questo non solo a causa di logiche gestionali che non voglio assolutamente trattare, ma perché le condizioni generali non sono più le stesse.

La nostra è una economia in sofferenza e non so ancora quali spazi di intervento e quali risorse avrò a mia disposizione.

Ed oggi più di sempre è indispensabile la piena e totale armonia di intenti.

Nulla sarà possibile se le Istituzioni, i Deputati della nostra Provincia, i Sindaci, la Camera di Commercio, gli Operatori del territorio, le Associazioni di categoria ed anche i Comitati spontanei non saranno compatti e convinti al mio fianco, pronti a spendersi per creare le condizioni ottimali, disponibili ad aprirsi ad un dialogo trasparente ed una collaborazione assolutamente costruttiva, non solo sulla carta ma nei fatti.

Ciò che mi da ancora più forza – oltre che immensa gratificazione – è aver trovato totale ed apertura da parte del Presidente della Regione che mi ha assicurato il necessario supporto nonché ampi e condivisi margini di operatività convinti entrambi come siamo della rilevanza strategica di questa struttura aeroportuale.

Ciò accresce in me l’entusiasmo, l’ottimismo, ma anche il senso di responsabilità nei confronti di chi mi ha dato fiducia, E di ciò non posso che essere grato e lusingato, riconoscendo anche il prezioso merito di essere sfuggito a logiche di partito o di campanile e di avere seguito solo l’istinto nell’assoluto interesse della provincia di Trapani.

Allo stesso modo sento il dovere ringraziare l’On. Eleonora Lo Curto e l’Avv Paolo Ruggieri che in queste concitate settimane, lavorando in assoluto silenzio, sono stati al mio fianco credendoci e dandomi ampio e totale sostegno.

E mi corre l’obbligo di ringraziare anche il Presidente uscente Paolo Angius, mio vice per tanti anni ed ancorché a distanza mio amico, al quale riconosco di avere speso tutte le sue energie ed il suo impegno per la sopravvivenza dell’aeroporto in condizioni non sempre facili.

Avrei altre mille persone da menzionare, ma due tra tutti meritano un ringraziamento mio particolare perché oltre ad avermi dato sempre supporto sono stati sempre a me vicino e hanno con me sofferto e gioito dei miei insuccessi/successi nel più sano spirito di amicizia… grazie Filippo, grazie Leo.

Da oggi, anzi per la verità già da “qualche” giorno, sono al lavoro nel tentativo di iniziare una nuova stagione, guardando avanti con positività e cercando dal passato nuovi spunti e crescenti stimoli per il futuro, consapevole di non avere bacchette magiche o lampade di Aladino, e convinto che sarà un lavoro lungo e paziente ma anche tutto tortuoso e in salita, ma tutto ciò non mi spaventa.

Certamente lavorerò con entusiasmo ed impegno.

E sicuro di poter dare anche io un contributo affinché i nostri figli non siano costretti ad andarsene senza voltarsi indietro o a ricordare la Sicilia solo per lo “scruscio del mare”.

Potrò pure sbagliare e fallire l’obiettivo ma qualsiasi cosa farò… sarà stata fatta con amore. La chiave di tutto.

Salvatore Ombra


Oggi è un gran giorno.
Il momento giusto per scendere in campo, anzi, ritornare.
Una persona in gamba, capace e attiva, sempre pronta ad affrontare le nuove sfide che si presentano.
Un gran lavoratore, un Imprenditore, che ha a cuore le sorti del nostro Territorio, della nostra città, e dell’Aeroporto.
Una persona che sa lavorare.
Una persona semplice, umile, fra e per la gente.
Una persona caparbia, che se inizia ad inseguire un obiettivo, lo raggiunge e lo conquista.
Una persona preparata e che produce lavoro, sviluppo e occupazione sul nostro Territorio.
Una grande persona, che nonostante i grandi problemi che sta attraversando il nostro Aeroporto, promette, con le sue qualità e la sua caparbietà, di vincere la sfida, anche se non sarà facile.
Ma lui la vincerà.
Siamo pronti per il rilancio dell’Aeroporto, del nostro Territorio e della nostra Terra.
Congratulazioni a mio zio, ri-eletto Presidente dell’Airgest.
La persona giusta al momento giusto, complimenti a Salvatore Ombra. 🇮🇹
#SiTornaAVolare ✈️
views:
2111
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
"Sicuro di poter dare anche io un contributo affinché i nostri figli non siano costretti ad andarsene senza voltarsi indietro o a ricordare la Sicilia solo per lo 'scruscio del mare'. Potrò pure sbagliare..."
MarsalaLive