Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Quello che più ci spaventa è ciò che ci salverà

"Il sapore in bocca della prima comunione mi ricorda l'erezione scaturita dalla catechista che credeva di insegnarmi come venerare Dio", l'ignoto, nell'accezione naturale, non lo affronta...

“Il vento si alzerà”, brano meno noto di Francesco Gabbani ad un passo dal vincere il secondo Festival di Sanremo, tre, se viene conteggiato quello delle nuove proposte, vincitore con la canzone Amen, capolavoro assoluto del cantautore carrarese.

Due strofe recitano: “I nostri tentativi per cercare sicurezza sono inutili ed aberranti è proprio il rischio di tuffarsi nell’ignoto, che ci fa sentire vivi come non lo siamo stati mai. Il sapore in bocca della prima comunione mi ricorda l’erezione scaturita dalla catechista che credeva di insegnarmi come venerare Dio”.

Analizzate la strofe, la riflessione e lo spaccato di un adolescente che attende il respiro di Eolo per intraprendere il volo. In due strofe un unico concetto: l’ignoto e come affrontarlo e delle emozioni che suscitano in un adolescente.

Il vincitore del 67esimo festival della canzone italiana non è un filosofo, ma come canta Edoardo Bennato, sono solo canzonette, si aggiunge ci sono canzonette e canzonette. L’ignoto, nell’accezione naturale, non lo affronta l’ex ministro degli interni Salvini, dopo la concessione di autorizzazione a procedere del senato della repubblica nostrana.

Non l’affronteranno i cittadini di Lilibeum il 24 maggio prossimo venturo, basterà recarsi alle urne, conoscendo candidati e programmi e se l’amministrazione scelta dovesse arrivare a palazzo spagnolo e governare la città non seguendo il dettato programmatico, esiste la mozione di sfiducia. Non lo affrontano i nostri cervelli, quelli veri, che sono costretti ad emigrare.

Ma anche coloro che occuperanno di manovalanza, perché se solo parzialmente nel belpaese, nel resto del mondo occidentale vigono meritocrazia e tutela del lavoro. Sicuramente lo affrontano gli africani e i siriani, perché le miglia terrestri e marittime che devono valicare sono ignote. Spesso sconosciute ed esiziali.

Allora è augurabile che “il vento si alzerà”.

Viceversa
(Vittorio Alfieri)

views:
244
ftf_open_type:
disable_open_graph:
kia_subtitle:
"Il sapore in bocca della prima comunione mi ricorda l'erezione scaturita dalla catechista che credeva di insegnarmi come venerare Dio", l'ignoto, nell'accezione naturale, non lo affronta...
MarsalaLive