Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

Coronavirus e democrazia

"Il premier ungherese Orban esagera ma neanche la democrazia italiana sta tanto bene: un governo che governa da settimane x decreto, libertà amputate con un Parlamento di fatto sospeso e un premier..."

Con buona pace della democrazia. Il premier ungherese Viktor Orban ha ricevuto dal parlamento magiaro (138 voti favorevoli, 53 contrari) con l’approvazione di un provvedimento antiCoronavirus, la dichiarazione dello stato d’emergenza sine die, fattualmente pieni poteri, respinta anche la richiesta dell’opposizione d’ inserire il termine temporale di 90 giorni per lo stato emergenziale. Persino il movimento nazionalconservatore Jobbik lo ha definito un “colpo di stato”, de facto lo è.

L’Unione Europea, di cui l’Ungheria è membro, ad oggi non ha condannato la vicenda e il Partito Popolare Europeo (PPE) non ha espulso il partito Fidesz-Unione civica Ungherese presidente Orban dal suo gruppo parlamentare. Per favore non si parli di legittimazione parlamentare, perchè la si ottiene a tempo determinato, perchè nel provvedimento sono sospese anche le elezioni. La storia ci ricorda del fascismo e del nazionalsocialismo, l’epilogo lo si conosce.

Alla vicenda come reagisce la classe politica, una parte minima (fortunatamente) dell’informazione, l’opinione pubblica? L’ex ministro degli interni del governo gialloverde afferma: “Non sono preoccupato da Orban, ma dalla Merkel”, lo si comprende, il magiaro è riuscito in ciò che lui agognava, ossia”pieni poteri”.

In sostegno di Orban anche l’ex ministro per la gioventù Giorgia Meloni. Paradossalmente si può affermare la validità delle posizioni di Salvini e Meloni. Ma una giornalista laureata in scienze politiche, Annalisa Chirico, può affermare in un tweet: “Il premier ungherese Orban esagera ma neanche la democrazia italiana sta tanto bene: un governo che governa da settimane x decreto, libertà amputate con un Parlamento di fatto sospeso e un premier, mai eletto in un’assemblea, che ha una legittimazione democratica pari a zero”.

Annalisa L’ABC della costituzione recita: il presidente del consiglio dei ministri viene nominato dal presidente della repubblica (articolo 92 costituzione ). Il governo da esso presieduto riceve la fiducia del parlamento (articolo 94). L’ assemblea è determinata dal voto degli elettori (articoli 56 e 57). Quindi il premier non viene eletto, l’assemblea ha piena legittimità. No, non può affermarlo, è sbagliato asserirlo e non si rende un servizio corretto alla collettività.

All’opinione pubblica si ricorda: sì Orban è stato investito dal voto parlamentare, ma l’essenza della democrazia vuole che non sia a tempo indeterminato, ogni tanto necessita il consenso della volontà popolare (elezioni si ribadisce sospese). Altrimenti è buona pace della democrazia.

Vittorio Alfieri

views:
257
ftf_open_type:
disable_open_graph:
MarsalaLive