Gaspare Barraco: “Avvistate con il pedalò meduse giganti a 250 metri dalla battigia a Marsala Sud”

"Dicono che non sono aggressive e pericolose, sono meno urticanti delle meduse piccole. Per i bagnanti non vi sono pericoli essendo lontani dalla riva. Sono bellissime a vedersi. Si muovono..."

Riceviamo e pubblichiamo

Marsala – Ieri giro con il mio (in comproprietà) pedalò abbiamo avvistato a 250 metri dalla battigia alcune meduse giganti. A quanto dicono non sono pericolose. Fortunatamente non scendono nella zona bagnati, stanno dove il fondale e oltre 2 metri.

Sono bellissime a vedersi. Si muovono velocemente quando si passa vicino con il pedalò. Con un po’ di apprensione abbiamo fatto i tuffi in acqua dal pedalò. Le meduse erano il piatto prelibato delle tartarughe, che purtroppo inghiottono la plastica in mare, credendo fossero meduse, e purtroppo muoiono.

Le meduse pertanto non hanno più nemici in mare. Abbiamo rotto l’equilibrio che ci aveva creato Dio. Nelle acque cristalline di Marsala Sud, quando il mare è calmo (quasi mai per fortuna) arrivano alcune unità di meduse, quest’anno giganti, del diametro da 20 a 30 centimetri con i tentacoli lunghi circa 20 centimetri.

Nelle 2 foto Gaspare Barraco con la figlia Sonia (specializzande al secondo anno in Endocrinologia e Diabetologia all’Università Tor Vergata a Roma) e il suo ragazzo Luca Franco (neo laureato in Basso elettrico e Contrabbasso, prima laurea al Conservatorio Santa Cecilia a Roma e successiva laurea specialistica al conservatorio di Latina).

Non vi sono pericoli per i bagnanti. Quando faccio canoa a 300 metri dalla battigia, per i miei 5 chilometri giornalieri da 15 anni, mi godo la vista di queste belle creature di Dio.

Gaspare Barraco
Attivista del WWF e di Greenpeace 

views:
1986
MarsalaLive