18 C
Marsala
venerdì, 24 Marzo 2023

Contattaci

Dvd e libri in covo di Messina Denaro: trovati 212 film e 56 volumi

Da Coppola a Bukowsky. Sistemato accanto al televisore "Storia del fascismo - le origini 1912-1922, i primi passi di Mussolini al governo". E ancora "Robin Hood", "Attacco al potere", ma anche il "Solitario"...

Durante la sua latitanza, il boss Matteo Messina Denaro, arrestato il 16 gennaio scorso, trascorreva il tempo nel suo appartamento di via Cb, a Campobello di Mazara, leggendo o guardando film. I carabinieri del Ros hanno trovato 212 dvd nel soggiorno dove erano appesi i poster del Padrino e del Jocker.

Erano sistemati accanto al televisore: il primo, era la “Storia del fascismo – le origini 1912-1922, i primi passi di Mussolini al governo”, una produzione Rai Trade. Poi, “Apocalypse now” di Francis Ford Coppola e “L’ultimo guerriero”, interpretato da Jean Reno. A seguire, “Alexandre”, incentrato sulla figura di Alessandro Magno, e “Un piano perfetto”, commedia francese del 2012, e ancora Django Unchained di Quentin Tarantino. O ancora L’immortale diretto da Marco D’Amore, la storia di un camorrista.

Ma anche Il pescatore di sogni o Tra le nuvole, con protagonista Ryan Bingham che è un cinico manager, definito un “tagliatore di teste”, che vive perennemente in viaggio. Non ha una vita affettiva, vivendo tra aeroporti e alberghi, collezionando miglia del programma “frequent flyer” dell’American Airlines, sua compagnia aerea preferita. Dopo molti anni passati vivendo come un frenetico viaggiatore, Ryan non desidera affatto cambiare, ma, nel corso della storia, si innamora di Alex, un’affascinante donna indipendente, incontrata al ristorante durante un viaggio, molto simile a lui nello stile di vita.

E ancora “Robin Hood”, “Attacco al potere”, ma anche il “Solitario”, il film che racconta di un killer mercenario che uccide per conto della malavita giapponese. Nella collezione c’è pure “La talpa”, ambientato nell’ottobre 1973.

Si era appassionato anche a “Man on fire”, la storia di una guardia del corpo nella Città del Messico dei sequestri di persona. Aveva visto anche “Io vi troverò”, la storia di un ex agente della Cia, grande esperto nel combattimento corpo a corpo e nell’uso delle armi, “dotato di una impressionante capacità di uccidere – è scritto nella copertina del Dvd – e anche di torturare persone a sangue freddo senza il minimo rimorso”.

Il boss vedeva pure generi più frivoli come “Sex and the City”.Nella sua collezione aveva anche il film Il gladiatore.

Nella sua biblioteca, sistemati con cura, 56 libri. Per le letture, il boss era appassionato di autori come Charles Bukowsky di cui possedeva cinque libri, tra i quali Il sole bacia i belli. E Se questo è un uomo di Primo Levi e La scomparsa di Josef Mengele di Oliver Guez. Ma anche un libro su quello che forse considerava un suo mito: Pablo Escobar. il padrone del male. E ancora Le notti bianche di Fedor Dostoevskij e diversi libri gialli. O scrittori cult: Haruki Murakami con i due volumi de L’assassinio del commendatore. E poi Viva il latino di Nicola Gardini e il romanzo Putin – l’ultimo zar – da San Pietroburgo all’Ucraina di Nicolai Lilin.

ULTIME NOTIZIE

ATTUALITà

OPINIONI

Scrivi a Marsala Live

GIRA VOTA E FIRRIA

società

Seguici su